menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ritrovate

Ritrovate

Fuggite e avvistate in città, ritrovate le ragazze di Acilia

A darne notizia Romatoday. Le ragazze erano state avvistate anche sotto le due torri, mentre erano di passaggio per raggiungere altre città del nord. L'annucio delle mamme preoccupate

Si è chiusa con un lieto fine la storia di Asia e Gaia, le due ragazze di 15 anni scomparse da Acilia lo scorso 23 gennaio.

Le due giovani erano ad Ostia, ma secondo gli ultimi riscontri, sarebbero state avvistate anche in un supermercato Coop di Bologna con in spalla i loro grossi zaini, mentre chiedevano informazioni per raggiungere la stazione e poi dirigersi a Torino. Ora bisognerà cercare di capire chi ha aiutato Asia e Gaia, di appena 15 anni, e dove si siano appoggiate in questi lunghi otto giorni. Le famiglie avevano presentato ai Carabinieri una denuncia di scomparsa volontaria.

Le due ragazze, infatti, nei giorni precedenti la loro scomparsa hanno acquistato due  zaini da viaggio nascondendoli, forse, a casa di amici. Ipotesi: "Avevano fatto scorta di vestiti e oggetti per l'igiene personale. Tutto il necessario per fuggire, senza mai portare nulla a casa. Qualcuno le ha aiutate, come qualcuno le ha sicuramente portate a Bologna perché fin lì non ci sono arrivate con il treno o un pullman". Ma chi? 

A lanciare l'allarme era stata Monica, mamma di Gaia, che attraverso il web aveva condiviso la sua angoscia. Da lì un tam-tam social-mediatico che ha aiutato le due famiglie e trovare le loro ragazze dopo giorni di richerche per il Centro e il Nord Italia. 

Un diario raccontato, passo dopo passo, su Facebook. Asia e Gaia avevano pianificato la loro fuga in maniera oculata almeno secondo quando detto da Monica e da Sara, mamma di Asia, a RomaToday. Le mamme avevano spiegato come le loro figlie, nei giorni antecedenti la loro scomparsa, avesso un atteggiamento evasivo e cupo. 

Poi lunedì 23 la fuga e un susseguirsi di indizi e tracce. Prima l'avvistamento in un supermercato a Bologna, poi a Torino dove alcuni ragazzi le hanno riconosciute, grazie alla foto diffuse sul web, e ricondotte a casa sventando così anche il pericolo di una evasione verso Francia, Austria o Svizzera. A darne l'annuncio, sempre su Facebook, è stata proprio Monica. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento