Edicolante temerario segue rapinatore speronandogli l'auto

Si era fatto accreditare una ricarica da 250 euro ma poi è scappato: il 38enne titolare dell'esercizio di via Savonarola non ha esitato ed è partito all'inseguimento. Individuato il colpevole

Dopo essere stato raggirato e derubato, un edicolante ha inseguito l'auto dei malviventi e l'ha più volte speronata con la propria, senza però riuscire a bloccarla. E' successo ieri in zona Santa Viola, a Bologna. La polizia ha identificato uno dei responsabili del furto: F.A., 23 anni, nato a Castrovillari (Cosenza) e residente a Prato, con alle spalle vari precedenti. Il giovane è stato denunciato per rapina, in concorso con due complici, ma non è stato rintracciato ed è attualmente ricercato.

Il commerciante 'temerario' è un foggiano di 38 anni, titolare di una rivendita di giornali in via Savonarola. Il 23enne si è fatto fare una ricarica Bancoposta da 250 euro, poi ha chiesto di pagare con carta di credito. Quando il commerciante gli ha detto che non era possibile, ha finto di andare in macchina a prendere il denaro contante e, raggiunta una Fiat Panda dove lo attendevano altre due persone, è fuggito portando con sé la tessera 'ricaricata'. L'edicolante si è messo all'inseguimento sulla propria auto e in via Nani ha raggiunto l'utilitaria: dopo averla superata, per tre volte si é messo di traverso, speronandola per tentare di bloccarla, ma il conducente è riuscito a svicolare e fuggire. Dai dati della carta Bancoposta la polizia è risalita al 23enne, che il commerciante ha poi riconosciuto come l'autore del fatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento