rotate-mobile
Venerdì, 31 Maggio 2024
Cronaca Centro Storico / Viale Pietro Pietramellara

Rapina in Galleria 2 agosto: minacce alla commessa con le forbici

Un balordo si sarebbe diretto verso il bancone, avrebbe arraffato la cassa, per poi fuggire in bicicletta

E' entrato in un negozio di souvenir nella Galleria 2 Agosto, di fronte alla stazione, ha minacciato la commessa con un paio di forbici e ha preso la cassa, per poi scappare con il bottino. A riferire della rapina messa a segno il giorno di Natale è Samuel Amadesi, titolare del negozio.

Amadesi ha raccontato ai microfoni della Rai che l'uomo sarebbe entrato con il volto travisato e brandendo un paio di forbici avrebbe spaventato la dipendente che in quel momento era sola. E' accaduto il 25 dicembre scorso, quando nei pochi negozi aperti non ci sono molti clienti. L'uomo si sarebbe poi diretto verso il bancone, avrebbe arraffato la cassa e sarebbe fuggito in bicicletta. 

L'antivigilia di Natale, in zona Murri, è invece bastata mezz'ora ai ladri per ripulire un'abitazione. Un furto da migliaia e migliaia di euro, nell'abitazione di un noto professionista.

L'allarme dalla zona stazione era stato accolto dal questore Isabella Fusiello che a giugno aveva incontrato residenti e negozianti della zona, in vista anche del maggior affollamento previsto per l'estate. E proprio Amadesi raccontò di essere stato aggredito per soccorrere una ragazza. La questura aveva così messo in piedi un'attiva di controllo rafforzata. 

A settembre, una donna aveva presentato denuncia per una aggressione sessuale, avvenuta sempre in stazione e a ottobre una ventina di persone si sono picchiate armate di bastoni in piazza XX Settembre, lasciandosi dietro uno scenario fatto di auto e moto danneggiati. A fine novembre un ragazzino era stato accoltellato e per il ferimento erano stati fermati due minori. 

Lega: "Costante insicurezza alla porta d'ingresso di Bologna"

“Ennesimo episodio di criminalità in galleria 2 agosto. È assurdo che la porta d’ingresso di Bologna viva una situazione di costante insicurezza - commenta il consigliere cvomunlae leghista Matteo Di Benedetto - Non bastano le attività culturali che il Comune ha paventato più volte per la zona, Serve maggiore presidio del territorio. Quando viene garantito, come abbiamo visto, la criminalità fa un passo indietro”. 

Controlli ad "alto impatto": 50 agenti e militari passano la zona stazione al setaccio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in Galleria 2 agosto: minacce alla commessa con le forbici

BolognaToday è in caricamento