rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca Navile / Via Carlo Cignani

Rapina in Bolognina, tabaccaio: 'Tanti a guardare, nessuno ha chiamato il 112'

Una pistola puntata addosso, una botta in testa e la richiesta di denaro: questa la dinamica della rapina di via Cignani avvenuta poco prima della chiusura. Il titolare: "Erano italiani e sono fuggiti in moto. Queste le cose certe"

La giornata lavorativa stava volgendo al termine e come tutti i giorni anche lo scorso sabato, dopo le 19, il titolare della tabaccheria di via Cignani aveva cominciato a fare i conti e sistemare la cassa. Quello che è successo dopo sembra una scena da film: "E' piombato in negozio un uomo con il volto coperto da passamontagna e casco integrale. Mi ha prima puntato contro una pistola e poi l'ha usata per colpirmi alla testa, atterrandomi senza mai smettere di urlare che gli dovevo dare tutti i soldi". 

Quella che descrive Salvatore Randone, da 4 anni gestore del negozio di tabacchi in zona Bolognina, è la rapina che ha subito e per la quale sta ancora facendo la conta dell'ammanco: "Ho letto delle cifre sui giornali, ma non sono numeri dati da me: la verità è che devo ancora fare i conti e capire quanto e cosa mi è stato sottratto questa volta. Non è semplice con delle merceologie come quelle che ho io fra gratta&vinci e sigarette". 

E infatti non è la prima volta. Fatta eccezione per alcuni piccoli episodi di danneggiamento al distributore automatico e dei furtarelli di poco conto, un anno e mezzo fa circa lo stesso tabaccaio aveva subito un colpo (avvenuto di notte, a serranda abbassata) che gli era costato ben 28 mila euro in merce di vario tipo, prevalentemente sigarette: "L'allarme non era scattato e i ladri hanno fatto i loro comodi. Adesso ci risiamo, e questa volta siamo arrivati alla rapina a mano armata". 

Ricorda bene quello che è successo sabato? Come sono andate esattamente le cose?

"Il registratore di cassa segnava le 19. Ho visto entrare il primo uomo, il quale travisato da un casco da moto integrale mi ha puntato la pistola (non so dire se fosse vera o finta, carica o scarica...) e poi con la stessa arma mi ha colpito alla testa e mi ha buttato per terra. Mi ha messo un piede sulla schiena per farmi restare giù e intanto prendeva i soldi dalla cassa. Poi è arrivato un secondo uomo, che ha iniziato a buttare nello zaino (ne avevano due) sigarette e merce varia, fra cui anche i gratta&vinci. Mi urlavano: 'dammi tutto!' e mi hanno detto di andare nello sgabuzzino" 

E' riuscito a capire che accento avevano i due rapinatori?

Hanno parlato molto ed era evidente che fossero italiani, ma non avevano un accento particolare. Di certo non del sud Italia, ma non sono riuscito a capire bene quali origini potessero avere. 

Come e con quale mezzo sono scappati?

Sono usciti e sono saliti su uno scooterone. Io gli sono corso dietro tentando di prendere la targa. Un ragazzo che ha capito la situazione ha dato un calcio alla loro moto in movimento, ma non hanno perso l'equilibrio. Sono stati fortunati: hanno anche schivato un'auto per un pelo. 

Dunque, l'ennesima rapina in Bolognina...

Non so se il problema sia la Bolognina francamente. Questo lo deve sapere qualcun'altro. Penso che l'insicurezza riguardi un po' tutta la città.

Ha ricevuto messaggi di solidarietà? Cosa l'ha colpita di più rispetto alle reazioni della gente?

Sì, tanta solidarietà da parte di tutti. Ma una cosa mi ha lasciato l'amaro in bocca. Guardando le riprese delle videocamere di sorveglianza (che sono al vaglio delle forze dell'ordine) ho notato che fuori dalla tabaccheria c'erano delle persone che pur accorgendosi di quello che stava accadendo all'interno del mio negozio non hanno chiamato il 112. O qualsiasi altro numero di emergenza. Non so per paura o per indifferenza, fatto sta che avrebbe cambiato le sorti della rapina (i Carabinieri sono arrivati in due minuti dalla mia chiamata) visto che i delinquenti sono rimasti dentro un bel po'". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in Bolognina, tabaccaio: 'Tanti a guardare, nessuno ha chiamato il 112'

BolognaToday è in caricamento