Via Castel Tialto, rapina fuori la discoteca: spunta coltello, studente derubato da un "amico"

Aveva conosciuto un giovane a bordo pista, due chiacchiere, una bevuta insieme, poi ognuno ha continuato la propria serata in compagnia dei rispettivi amici. Ma all'uscita del locale l'aggressione inaspettata: due in arresto

Aveva conosciuto un giovane a bordo pista, due chiacchiere, una bevuta insieme, poi ognuno ha continuato la propria serata in compagnia dei rispettivi amici. Ma all'uscita del locale l'inaspettato: il suo nuovo 'amico' l'ha derubatoLa polizia ha così arrestato un algerino di 20 anni e un marocchino di 23 per rapina aggravata, porto illegale armi e lesioni personali aggravate. L'episodio risale alla fine di ottobre scorso, in via Castel Tialto, davanti alla discoteca Soda Pops.

NUOVA 'AMICIZIA'. Uno studente abruzzese 20enne sta trascorrendo il sabato sera con alucni amici nel locale, quando vede a bordo pista un giovane magrebino, ha impressione che si senta male, così si avvicina per offrire il proprio aiuto. Entrano subito in confidenza, due chiacchiere e una bevuta, poi si perdono di vista. 

Si ritrovano all'uscita del locale, poco dopo le 4, dove il nuovo "amico" lo abbraccia,  gli strappa la collana e gli sferra un pugno. Alla scena assistono gli amici del 20enne che si avvicinano per difenderlo, ne nasce una collittazione, ma il ladro riesce a fuggire. Nel parapiglia, si avvicina un altro giovane, che aveva trascorso la serata nel locale, e anche lui si accanisce contro l'abruzzese, gli strappa il bracciale, ma tira fuori anche un coltello, ferendolo al polso. La ferita è stata giudicata guaribile in 6 giorni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE INDAGINI DELLA MOBILE. La vittima e gli amici si dirigono verso Piazza Maggiore, dove fermano una volante e denunciano l'accaduto. Da qual momento partono le indagini della Squadra Mobile: fortunatamente il locale è dotato di telecamere e il racconto dei giovani ha trovato riscontro nei filmati. Si tratta di "volti noti" alle forse dell'ordine, gravitano nelle zone del centro storico, fino ai quartieri San Donato e Bolognina. L'arresto è stato notificato al 20enne algerino, ovvero il falso "amico", il 6 novembre, mentre si trovava in un B&B dove aveva l'obbligo di dimora, mentre il marocchino, che ha rubato il bracciale e ferito lo studente, è stato catturato ieri sera in via Serlio. Entrambi sono gravati da diversi precedenti per rapina, furto, aggressione fino al piccolo spaccio e agiscono con diversi alias. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento