Cronaca Via Toscana

Esce dal carcere e 'torna' in banca: ancora in manette rapinatore seriale

Dopo aver scontato 9 anni, un 34enne è stato arrestato nuovamente ieri mattina dalla Mobile per una rapina alla BPM in via Toscana. Ha minacciato clienti e dipendenti con un cutter

Aveva scontato nove anni di reclusione, a più riprese, per rapine anche a mano armata in numerose banche del bolognese. Uscito di carcere da qualche giorno, P.D., nato a Bologna nel 1980, il 4 agosto è entrato alla Banca Popolare di Milano in Via Toscana armato di cutter. Quando un dipendente gli ha fatto notare che il meccanismo temporizzato non consentiva di aprire la cassa, ha minacciato dipendenti e clienti, riuscendo a racimolare circa 100 euro. "Modalità preoccupanti e soggetto dall'alta pericolosità sociale - ha detto il dirigente dell'anti-rapina bolognese Davide Corazzini ai cronisti - non ha esitato ad aggredire una dipendente e a mettere il braccio al collo di una cliente, sotto la minaccia del cutter puntato alla gola" (GUARDA IL VIDEO)

Sei le rapine all'attivo del 34enne, tutte sul territorio di Bologna, infatti è stato immediatamente riconosciuto: a incastrarlo le telecamere e l'impronta digitale, lasciata sul sistema di apertura delle porte automatiche, che hapanasci-2nno portato gli agenti della Squadra Mobile e della Scientifica di Bologna alle stesse conclusioni, nel giro di 72 ore.

SOLDI PER ANDARE IN VACANZA. E' stato raggiunto ieri mattina in via di Vittorio, a casa della madre, ha confessato e ha detto agli agenti: "Ho bisogno di soldi per acquistare vestiti e andare in vacanza". Nel corso della perquisizione domiciliare, non sono stati trovati gli abiti che indossava il giorno della rapina, dei quali si era disfatto.

E' accusato di rapina pluriaggravata e si trova già in carcere alla Dozza, dove, ha aggiunto Corazzini: "Abbiamo motivo di credere che rimarrà".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esce dal carcere e 'torna' in banca: ancora in manette rapinatore seriale

BolognaToday è in caricamento