Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Boom di furti e rapine: Bologna al quarto posto tra 5 città metropolitane, colpa della crisi?

Rapine, furti e scippi: un'indagine de L'Espresso analizza cinque città metropolitane. Bologna quarta davanti a Palermo. Attenzione ai luoghi comuni: non sono gli stranieri a delinquere maggiormente

Furti, rapine e aggressioni, sempre per soldi. Un'indagine de L'Espresso, condotta da Gianluca De Feo e Giovanni Tizian, analizza cinque città metropolitane: Bologna, Milano, Napoli, Palermo e Roma e la nostra si colloca al quarto posto.

A sua parziale discolpa, è bene specificare che si tratta di dati relativi alle denunce ricevute dalle forze dell'ordine e che il 52% dei reati predatori riguardano soprattuto al centro-nord, dove c'è un benessere più diffuso, secondo il Ministero dell'Interno.

Al primo posto di questa triste classifica, Roma, che però ha una popolazione degna di una vera metropoli, seguono nell'ordine Milano, Napoli, Bologna e Palermo. Secondo i dati del settimanale, ogni giorno nella provincia di Milano si mettono a segno 13 rapine e 441 furti: altri numeri nel 2010, le rapine erano meno di nove e i furti 391. Vorticoso l'aumento dei cosiddeti reati predatori, anche violenti, come scippi, rapine per strada o in appartamento.

CRISI. Secondo le forze dell'ordine e gli esperti, esiste un rapporto tra la crisi economica e l'aumento dei reati e in effetti dall'indagine emergono le differenza tra il 2010 e il 2012: a Bologna 100 rapine e 7 mila furti in più.

RAPINE ARMATE. Soprattutto armi puntate contro gli inquilini: sono raddoppiate nella provincia di Milano, di Roma e di Bologna i furti nelle abitazioni (7 mila in più nel Milanese, 2.400 in più nell'area della capitale e in quella di Bologna, raddoppiati a Palermo). Le banche non sono più un obiettivo: poco contante e troppe protezioni. Ora nel mirino dei ladri ci sono gli esercizi commerciali come farmacie, compro-oro, tabaccherie e sale gioco.

LUOGO COMUNE DA SFATARE. Gli stranieri risultano denunciati solo per un terzo dei reati totali. Nel caso dei furti, per la  metà. Si tratta spesso di "irregolari", solto il 6% degli immigrati regolari viola la legge.

LA DIFFERENZA TRA FURTO E RAPINA. Secondo il codice penale, art 624, il furto è compiuto da chiunque s'impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 154 a euro 516. All'articolo 628, la rapina ovvero chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, s'impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, è punito con la reclusione da tre a dieci anni e con la multa da euro 516 a euro 2.065.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di furti e rapine: Bologna al quarto posto tra 5 città metropolitane, colpa della crisi?

BolognaToday è in caricamento