menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapine con la siringa, fermato un 49enne

In uno degli episodi vittima una minorenne. L'uomo incastrato da una impronta, ma era già stato identificato nei giorni precedenti

Arrestato dalla Polizia di Stato il responsabile di una rapina in farmacia e una tentata rapina ai danni di una minorenne.

E' stata la squadra mobile di Bologna che ha individuato e fermato un 49enne, A.A. cittadino croato, per due distinti episodi di rapina, avvenuti nel fine settimana scorso.

L'uomo, peraltro già identificato nei giorni scorsi, è stato individuato nei pressi di piazza Verdi con indosso alcuni degli stessi vestiti indossati i giorni delle rapine, ma la svolta è stata data dalle immagini di videosorveglianza e da alcune impronte digitali lasciate dal 49enne.

Due sono gli episodi distinti addebitati al soggetto. Per quanto riguarda il primo episodio, l’uomo, approfittando del fatto che la ragazza minorenne era intenta a guardare una vetrina sulla strada, l’ha immobilizzata da dietro e, minacciandola con una siringa, le ha intimato di consegnare i soldi.

La giovane ha approfittato di un momento in cui il malfattore aveva allentato la presa per fuggire e rifugiarsi in un bar costringendo l’uomo a fuggire evitando così conseguenze peggiori. A distanza di due giorni, poi, il nuovo colpo.

Approfittando delle poche persone in giro, di domenica pomeriggio, A.A. è entrato all’interno della Farmacia “Beata Vergine di San Luca” con una mascherina in viso e prima ha scaraventato a terra il divisorio in plexiglas sul bancone e poi, sempre armato di siringa utilizzata per minacciare le farmaciste, ha asportato l’intero fondo cassa per circa 600 euro.

La IV Sezione – Contrasto al Crimine diffuso della Squadra Mobile, analizzando i filmati di videosorveglianza delle telecamere presenti nei pressi dei due episodi delittuosi, è riuscita a ricostruire gli eventi e a comprendere che la “mano criminale” era la stessa, sia per la forte somiglianza fisica, per i vestiti indossati, che soprattutto per le modalità di commissione e per l’arma, la siringa, utilizzata in entrambe le occasioni.

Proprio ricostruendo il percorso fatto dall’uomo per arrivare in Farmacia in via D’Azeglio i Poliziotti della Mobile lo hanno riconosciuto per il cittadino croato A.A. e hanno iniziato a setacciare la città alla sua ricerca, rintracciandolo in Piazza Verdi dopo due giorni.

Fondamentale è stato anche il contributo della Polizia Scientifica Bolognese che, intervenuta per il sopralluogo sulla scena del crimine, è riuscita ad isolare un’impronta dattiloscopica che è stata analizzata e confrontata in Banca dati e ha confermato l’identità dell’autore già identificato dalla Mobile.

L’uomo, A.A. con precedenti penali e di polizia, è stato accompagnato in Questura e si è proceduto al fermo di indiziato di delitto nei suoi confronti in accordo con la locale Procura della Repubblica. Il soggetto è stato condotto in carcere in attesa del provvedimento di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Attualità

700 anni dalla morte di Dante, il rapporto con la città: "Prima l'amore, poi i bolognesi all'inferno. Conosceva il dialetto"

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Chioschi a Bologna e provincia: la nostra mini guida

  • social

    Ricette antifreddo: la Zuppa boscaiola

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento