Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Reddito di cittadinanza: 116 persone denunciate, contestati 300mila Euro

Smascherati dopo controlli incrociati delle banche dati sulle dichiarazioni fornite per ottenere il sussidio

Sono ben 116 i soggetti denunciati dai carabinieri di Ozzano per false dichiarazioni sul reddito di cittadinanza, per le quali si contesta l'indebito recepimento di oltre 300mila Euro, cifra che nelle prossime settimane si cercherà di recuperare con gli strumenti del caso.

Le irregolarità sono venute alla luce durante una serie di controlli insieme al nucleo Ispettorato del lavoro: tutti tranne una donna, cittadina brasiliana di 32 anni, sono risultati essere cittadini rumeni, di età tra i 18 e i 66 anni.

I soggetti denunciati, infatti, per ottenere il beneficio, avevano dichiarato all’Inps una serie di status, tra cui la non disponibilità di auto di cilindrata superiore ai 1.600 cc, quando invece alcuni di loro possedevano veicoli di grossa cilindrata.

Altro 'sintomo' è stato l’unicità della richiesta del beneficio a famiglia: sono invece state riscontrate più domande provenienti dallo stesso nucleo familiare. Anche un altro requisito, e cioè la residenza in Italia da oltre dieci anni, sarebbe stato violato in pieno dalla maggior parte dei soggetti denunciati. In alcuni casi addirittura, i beneficiari della misura non erano nemmeno in pianta stabile in italia, ma vi avrebbero soggiornato il tempo necessario per fare i documenti, per poi ritornare in patria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza: 116 persone denunciate, contestati 300mila Euro

BolognaToday è in caricamento