menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione, multe cancellate: Bonaccini chiede scusa ma 'Chiunque lo può fare'

21 multe per eccesso di velocità in poco meno di due anni. La denuncia dei 5 Stelle in Regione

"21 multe per eccesso di velocità (anche a 180km/h di media) in poco meno di due anni. Solo quattro pagate, una ancora in via di accertamento e ben 16 annullate o archiviate, ovvero il 76% del totale". E' la denuncia che arriva dal capogruppo 5 Stelle in Regione Silvia Piccinini "numeri da guinnes dei primati quelli che riguardano la giunta del Presidente Bonaccini e la capacità di farsi annullare le multe prese dall’auto blu d’ordinanza in servizio fino all’estate del 2017, ovvero quando l’ultimo autista regionale è andato in pensione. Per farlo, nella stragrande maggioranza dei casi, a Bonaccini e ai suoi assessori, è bastato scrivere al Prefetto di zona chiedendo un colpo di spugna sulle multe registrate da velox, tutor e telecamere di accesso a zone a traffico limitato e annotando la semplice giustificazione impegni istituzionali”, conlude la grillina. 

Stefano Bonaccini chiede scusa per la vicenda, ma il Movimento 5 stelle rilancia presentando una nuova interrogazione in Regione: "Potevano gli assessori usufruire di questo speciale servizio o doveva farlo solo Bonaccini?", chiede Piccinini: "Un aspetto sul quale forse anche le Prefetture che hanno cancellato le multe ai singoli assessori dovrebbero far chiarezza".

"E' normale per me, per noi, chiedere scusa se nel fare questo siamo andati contro la sensibilità della nostra comunità - ha scritto in una nota Bonaccini - anche di una sola persona" ma "giriamo l'Emilia-Romagna in lungo e in largo, è capitato di tardare e di non voler mancare agli appuntamenti, così come i ricorsi presentati alle Prefetture sono stati fatti seguendo le istruzioni sulle notifiche arrivate, come chiunque può fare" e sottolinea "nessun privilegio e favore perchè siamo o ci sentiamo la Regione, per dirla con chiarezza. E cosiì come l'essere nei territori, ascoltare la società regionale ci sembra normale, altrettanto è sembrato all'amministrazione il poter fare ricorsi sulle multe, senza gravare in alcun modo sulla collettivita' in caso di non accoglimento da parte delle Prefetture, come in alcuni casi è successo".

Ma a Piccinini non basta perchè le scuse sarebbero arrivate quando la notizia è ormai di dominio pubblico "con una pioggia di critiche anche da parte di certa stampa di solito sempre molto indulgente con lo stesso Bonaccini e i suoi assessori". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento