Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sciopero e presidio in regione: "Tassare i redditi milionari e assunzione dei precari della scuola"|VIDEO

Più trasporti pubblici, assunzione dei precari della scuola e tutela della salute, le richieste delle sigle presenti, da Potere al Popolo al collettivo Noi restiamo

 

Oggi giornata di sciopero e presidio del sindacato USB sotto la sede della Regione Emilia-Romagna. Più trasporti pubblici, assunzione dei precari della scuola e tutela della salute, le richieste delle sigle presenti, da Potere al Popolo al collettivo Noi restiamo. 

"Non si fa un discorso di riforma fiscale in cui i redditi milionari vengano tassati per redistribuire le risorse - e quindi - garantire la salute di tutti - dice il portavoce -  la salute di studenti e personale della scuola è a rischio, il presidente della Regione Stefano Bonaccini è capo della conferenza stato-regioni, uno degli ostacoli maggiori per una gestione coerente, nazionale e centralizzata della situazione di emergenza".

Le proposte di Miriam Cruciano, insegnate precaria è investire nella scuola pubblica "per poter tornare in presenza e in sicurezza. La dad non ci convince perchè fortemente discriminatoria. A cosa servono i proclami del ritorno a scuola il 9 dicembre, quando non è cambiato niente, ieri è stato il giorno con il numero maggiore di decessi". E ancora: "La nostra richiesta è che i precari che abbiamo almeno tre anni di servizio vengano stabilizzati, non si può fare un concorso in tempi di pandemia".

Proponete dunque una patrimoniale... " E' chiaro ormai che non si può fare ulteriore debito, è uscita anche una proposta dell'università di Torino, ma non c'è la volontà politica - dice Antonio Corleanò del collettivo Noi restiamo - il Governo non tutela la massa giovanile, precaria, le donne, preferisce Confindustria". 

E l'università? "Gli studenti hanno rinunciato ad andare per i costi altissimi, non si è fatto nulla per le tasse universitarie, quindi questo è il prodotto di un modello universitario costruito, a favore della partecipazione delle aziende private. Infatti è stato garantito un padiglione della fiera per la Bologna Business School, la scuola di élite". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento