Viabilità, la Regione in difesa dei motociclisti: "Installare le barriere"

Odg bipartisan in regione, pressing su Anas-ministero-province

foto archivio

L'Emilia-Romagna si schiera in difesa dei motociclisti. E sollecita sia il ministero dei Trasporti sia l'Anas a installare le barriere protettive per i centauri sui guardrail e intervenire nelle strade più a rischio.

Un segnale lanciato però anche alle stesse Province dell'Emilia-Romagna. L'Assemblea regionale ha approvato oggi all'unanimità una risoluzione, proposta dalla Lega ed emendata dal Pd, per impegnare la Giunta Bonaccini proprio in questa direzione.

Il documento fa leva sul decreto ministeriale cosiddetto "salva-motociclisti, entrato in vigore nel maggio 2019, che prevede l'obbligo di installare guard rail adatti alle moto su tutte le curve con un raggio minore di 250 metri nel caso di strade di nuova costruzione, adeguando invece le protezioni nei tratti soggetti a varianti del tracciato o rinnovo delle barriere e intervenendo nelle strade con il maggior numero di incidenti con feriti o decessi che coinvolgono le due ruote".

S"iamo soddisfatti- commenta il leghista Gabriele Delmonte- la sicurezza stradale rappresenta un tema di grande valore per la Regione Emilia-Romagna che, in aderenza agli indirizzi europei, assume come fondamentale il diritto dei cittadini alla sicurezza nella mobilità. Pertanto sulle strade provinciali la competenza della Regione impone un intervento tempestivo, mentre sulle tratte statali è importante avviare un confronto con Anas".

L'Emilia-Romagna, aggiunge la dem Nadia Rossi, "è terra di motori e Rimini è in cima alle classifiche regionali per l'immatricolazione di mezzi a due ruote. Sensibilizzare gli enti ad agire per la tutela di chi sceglie le due ruote non è un argomento su cui possono esserci divisioni di destra o di sinistra".

Come Regione, inoltre, "penso sia importante sollecitare le Province per dimostrare maggiore attenzione e sensibilità al tema - aggiunge Rossi - la sostituzione di un vecchio guard rail non più a norma per gli utenti a due ruote non è un vezzo, ma in caso di incidente può segnare la differenza tra una lesione leggera e una più grave e irreparabile", chiosa la consigliera Pd. (Dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento