Giovedì, 28 Ottobre 2021

A Bologna una residenza covid per anziani: "Supporto per chi non ce l'ha" | VIDEO

Attiva dal 7 dicembre, offre 24 posti letto per pazienti positivi che non possono rimanere a domicilio

Dal 7 dicembre, in via sperimentale, è operativa la residenza covid dedicata all’accoglienza temporanea degli anziani fragili positivi al Covid-19 provenienti dal proprio domicilio e dalle strutture della rete socio-sanitaria e socio-assistenziale.

Si tratta della residenza covid per anziani S. Caterina gestita dell’Ente Morale Istituto Case di Riposo S. Anna e S. Caterina, individuata dall’Azienda Usl di Bologna dopo una procedura di selezione pubblica. L'obiettivo prioritario è assicurare un'adeguata assistenza agli anziani positivi che non possono rimanere a domicilio per mancanza di una rete familiare e assistenziale di supporto e ad ospiti delle strutture residenziali del territorio metropolitano che, per caratteristiche strutturali o organizzative, non sono in grado di assicurare un’appropriata assistenza o efficace isolamento ai propri ospiti.

Ospiti, equipe e organizzazione

In totale ci sono 24 posti disponibili, estendibili a 48, riservati a persone ultra 65enni o adulti con patologie assimilabili all’età senile, positivi al Covid-19, asintomatici o paucisintomatici. L'accesso – come ci spiega il presidente della struttura, nonché presidente Anaste Emilia-Romagna, Gianluigi Pirazzoli – avverrà da tutti i distretti del territorio aziendale su segnalazione dei servizi sanitari e sociali al Punto di Coordinamento Covid (PCovid), dell’Azienda Usl di Bologna, in cui opera un team multidisciplinare composto da infermiere, assistente sociale e medico, con possibilità di attivare consulenza infettivologica e geriatrica.

Assistenza e cura degli ospiti sono assicurate dal gestore della Residenza con proprio personale medico, socio assistenziale e fisioterapico. L’equipe sarà formata da operatori con esperienza nell’assistenza ad ospiti positivi al Covid-19 è garantirà anche tutte le misure organizzative e strutturali di sicurezza e di prevenzione anti contagio. L’Azienda Usl di Bologna assicura, con proprio personale, il coordinamento del gruppo infermieristico, infermieri con una copertura H24 (inizialmente 7 unità), le consulenze specialistiche, la dotazione dei farmaci e dei dispositivi di protezione individuale necessari.

Una notte con l'Unità mobile che assiste chi dorme per strada | VIDEO

Sullo stesso argomento

Video popolari

A Bologna una residenza covid per anziani: "Supporto per chi non ce l'ha" | VIDEO

BolognaToday è in caricamento