Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Bologna una residenza covid per anziani: "Supporto per chi non ce l'ha" | VIDEO

Attiva dal 7 dicembre, offre 24 posti letto per pazienti positivi che non possono rimanere a domicilio

 

Dal 7 dicembre, in via sperimentale, è operativa la residenza covid dedicata all’accoglienza temporanea degli anziani fragili positivi al Covid-19 provenienti dal proprio domicilio e dalle strutture della rete socio-sanitaria e socio-assistenziale.

Si tratta della residenza covid per anziani S. Caterina gestita dell’Ente Morale Istituto Case di Riposo S. Anna e S. Caterina, individuata dall’Azienda Usl di Bologna dopo una procedura di selezione pubblica. L'obiettivo prioritario è assicurare un'adeguata assistenza agli anziani positivi che non possono rimanere a domicilio per mancanza di una rete familiare e assistenziale di supporto e ad ospiti delle strutture residenziali del territorio metropolitano che, per caratteristiche strutturali o organizzative, non sono in grado di assicurare un’appropriata assistenza o efficace isolamento ai propri ospiti.

Ospiti, equipe e organizzazione

In totale ci sono 24 posti disponibili, estendibili a 48, riservati a persone ultra 65enni o adulti con patologie assimilabili all’età senile, positivi al Covid-19, asintomatici o paucisintomatici. L'accesso – come ci spiega il presidente della struttura, nonché presidente Anaste Emilia-Romagna, Gianluigi Pirazzoli – avverrà da tutti i distretti del territorio aziendale su segnalazione dei servizi sanitari e sociali al Punto di Coordinamento Covid (PCovid), dell’Azienda Usl di Bologna, in cui opera un team multidisciplinare composto da infermiere, assistente sociale e medico, con possibilità di attivare consulenza infettivologica e geriatrica.

Assistenza e cura degli ospiti sono assicurate dal gestore della Residenza con proprio personale medico, socio assistenziale e fisioterapico. L’equipe sarà formata da operatori con esperienza nell’assistenza ad ospiti positivi al Covid-19 è garantirà anche tutte le misure organizzative e strutturali di sicurezza e di prevenzione anti contagio. L’Azienda Usl di Bologna assicura, con proprio personale, il coordinamento del gruppo infermieristico, infermieri con una copertura H24 (inizialmente 7 unità), le consulenze specialistiche, la dotazione dei farmaci e dei dispositivi di protezione individuale necessari.

Una notte con l'Unità mobile che assiste chi dorme per strada | VIDEO

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento