menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, ecco il piano per la riapertura del 7 gennaio

A Bologna e provincia 88 autobus in più grazie all'accordo con i consorzi privati

È pronto il piano dell'Emilia-Romagna per riaprire le scuole superiori il 7 gennaio, in base ai limiti previsti dal Dpcm (75% di alunni in presenza e 50% di capienza sui mezzi).

In ogni provincia sono stati predisposti piani operativi, con mezzi di trasporto aggiuntivi e orari di ingresso scaglionati negli istituti. Non ci saranno doppi turni, mattino e pomeriggio. Questo dunque il quadro.

A Bologna gli orari non cambiano rispetto a quelli previsti dall'inizio dell'anno scolastico, con aggiustamenti in ingresso per alcuni istituti scaglionati dai 15 ai 30 minuti. A Piacenza gli orari restano invariati rispetto a quelli previsti all'inizio dell'anno scolastico, con la disponibilità delle scuole, in caso di necessità, ad attuare una flessibilità massima al termine lezioni di 20 minuti.

Anche a Parma gli orari restano in sostanza invariati, con l'impegno da parte delle scuole a consentire l'elasticita' nell'orario di 5-15 minuti in ingresso e in uscita, per permettere agli studenti di avvalersi delle corse bis allestite da Tep ed evitare di decongestionare le fermate e i mezzi.

A Modena e a Reggio Emilia viene invece introdotto il doppio turno di ingresso in classe, con il 45% degli studenti alle 8 e il restante 30% alle 10. Stessa situazione a Ferrara con scaglionamenti in ingresso differenziati di cinque minuti a partire dalle 8. Infine, resta invariato rispetto all'inizio dell'anno scolastico anche l'orario per gli istituti scolastici di Rimini, Forlì Cesena e Ravenna.

Sul fronte degli autobus, sono in tutto 522 gli autobus aggiuntivi introdotti da settembre, per oltre 10 milioni di chilometri in più rispetto al servizio ordinario, con una spesa stimata dalla Regione di 23 milioni di euro fino alla fine dell'anno scolastico, coperta con risorse nazionali.

Di questi mezzi, 172 saranno messi in strada da gennaio grazie all'accordo con i consorzi privati, che hanno messo a disposizione autobus per le tratte urbane ed extraurbane dal momento che i trasporti turistici sono fermi per effetto della pandemia.

A livello provinciale sono destinati nel complesso 88 mezzi in più a Bologna, 58 a Piacenza, 62 a Parma, 55 a Reggio Emilia, 65 a Modena, 38 a Ferrara, 55 a Ravenna, 54 a Forlì-Cesena e 47 a Rimini. (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento