Cronaca

Richiedenti asilo al lavoro per il comune: «Integrazione e conoscenza del lavoro»

MARZABOTTO. Da alcuni giorni due giovani richiedenti asilo ospitati a Lama di Reno hanno intrapreso una collaborazione con la squadra esterna del Comune per la pulizia del verde e delle strade

A Marzabotto i migranti collaborano con il comune. Due ragazzi ventenni provenienti dall’Africa (dalla Costa d’Avorio e dal Mali, per l’esattezza) e richiedenti asilo hanno intrapreso a Marzabotto un percorso che attraverso un tirocinio formativo mira ad aiutarli nel processo di integrazione. Ai ragazzi verrà data la possibilità di affiancare la squadra esterna del Comune di Marzabotto operando per la cura del verde pubblico e dell’arredo urbano e per la pulizia delle strade.

Così si favorisce l'integrazione e si avvicina al mondo del lavoro

Il Comune ha infatti accolto con favore la proposta formulata dalle cooperative Lai-momo e Abantu, che ospitano i giovani nel loro centro di prima accoglienza di Lama di Reno, di organizzare questo tirocinio. L’attività ha avuto inizio il 25 giugno e durerà tre mesi. Il progetto persegue l’obiettivo non solo di favorire l’integrazione dei giovani ma anche di rafforzare la loro conoscenza della lingua italiana e di favorire l'acquisizione di competenze mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro.

L'assessore: «Collaborazione e confronto diretto»

“In un clima generale come quello che stiamo vivendo, sempre più destabilizzante, teso a generare e a rafforzare le forme d'intolleranza più comuni, le paure e le incertezze” spiega l’assessore ai servizi sociali di Marzabotto Cristina Piacenti “continuiamo a credere che le sinergie create con il confronto diretto e le collaborazioni, anche se dovute a minime azioni, favoriscano l’accrescimento delle culture e del vivere comune”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Richiedenti asilo al lavoro per il comune: «Integrazione e conoscenza del lavoro»

BolognaToday è in caricamento