menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fonte: report Uif-Banca D'Italia

Fonte: report Uif-Banca D'Italia

Riciclaggio, l'Emilia-Romagna in 'rosso' per le segnalazioni

Diverse in regione le province in 'rosso' per numero di segnalazioni sospette e a rischio riciclaggio. La Cgil: "Sconcertanti i dati sul money transfer"

L'Emilia-Romagna è la prima regione 'rossa', seguita da Sicilia e Calabria, per quanto riguarda i dati delle "segnalazioni sospette di riciclaggio" economico, relativi al secondo semestre 2020, pubblicati nel sito Uif-Banca d'Italia.

Lo segnala allarmata la Cgil di Modena, in particolare il suo coordinamento Legalità. Si contano tra l'altro 7.810 segnalazioni partite dall'Emilia-Romagna, suddivise per ogni provincia: Bologna è prima con 1.852 casi, seguita da Modena con 1.060, Reggio Emilia con 1.005, Parma con 880.

Nel complesso, risultano tre province rosse, Modena, Ravenna e Forlì-Cesena, e due arancioni, Parma e Bologna. Appaiono inoltre "sconcertanti i dati sul money transfer, gli affari sporchi coi paradisi fiscali: siamo la prima regione sul podio nero, con le più rosse Parma, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna", puntualizzano in casa Cgil.

Anche in merito al traffico di "bonifici verso paesi a fiscalità privilegiata o non cooperante, quindi i paradisi fiscali più raffinati", restano 'rosse' le province di Piacenza, Reggio e Modena. "Insistiamo -concludono quindi dal sindacato- nel richiedere il necessario lavoro dei tavoli provinciali di legalità, per approfondire questi dati dannosi ed avviare progetti concretissimi di prevenzione, rivolti all'imprenditoria più esposta, e consulenze professionali. Bisogna rompere il silenzio di tanti". (Lud/ Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento