menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto a Galliera, FdI: 'Meno cemento per ricostruire la scuola materna'

A sollevare il caso il consigliere regionale di FdI, Foti: 'A seguito di un'indagine dalla Direzione distrettuale antimafia, sarebbe stata utilizzata una quantità di cemento inferiore a quella prevista dal capitolato d'appalto'

Sarebbe stato usato meno cemento del necessario per ricostruire la scuola materna di Galliera, danneggiata dal terremoto del 2012. A sollevare il caso è il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Tommaso Foti, che ha presentato un'interrogazione alla Giunta Bonaccini per far luce sulla questione. "A seguito di una indagine condotta dalla Direzione distrettuale antimafia- scrive Foti- risulterebbe che per la ricostruzione della scuola dell'infanzia di Galliera, fortemente danneggiata dagli eventi sismici del 2012, sarebbe stata utilizzata una quantità di cemento in misura inferiore a quella prevista dal capitolato d'appalto e, conseguentemente, si sarebbe in presenza di una frode in pubbliche forniture".

Foti, si legge in una nota dell'ufficio stampa dell'Assemblea legislativa, chiede quindi alla Giunta regionale di sapere, "al di là delle iniziative assunte dall'autorità giudiziaria, quali verifiche siano state disposte" da viale Aldo Moro, visto che "l'appalto per la realizzazione dei lavori è stato bandito, a suo tempo, dalla Regione" stessa. L'esponente Fdi chiede poi di conoscere gli esiti di queste verifiche e "quali successivi provvedimenti siano stati adottati, anche in ragione di quanto disposto dalla vigente normativa in materia di appalti". (agenzia dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

L'Oroscopo di marzo segno per segno: ecco cosa prevedono gli astri

social

Sanremo: lutto per Ignazio Boschetto de Il Volo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Sanremo: lutto per Ignazio Boschetto de Il Volo

  • Eventi

    Le mostre online da non perdere a marzo

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento