I riders bolognesi incontrano Di Maio: 'Valutiamo i fatti non le parole'

Ieri a Roma a colloquio con il neo Ministro del lavoro: "Abbiamo ascoltato le intenzioni di Di Maio e portato le nostre proposte"

I Riders Union Bologna a colloquio con il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio. E' accaduto ieri a Roma, dove la sigla bolognese hanno "ascoltato le intenzioni di Di Maio e portato le nostre proposte", ha detto Maurilio Pirone, precisando che "non abbiamo la minima intenzione di rappresentare tutti i riders italiani, anche perchè nelle diverse città, ed è un fatto importante, i riders si sono autorganizzati in esperienze di sindacato metropolitano che stanno lottando e parlano con la loro voce".

"Stiamo a vedere, valutiamo i fatti e non le parole". E' il cauto il commento dei ciclofattorini bolognesi che continueranno a "sollecitare il Governo a lavorare verso l'apertura di un tavolo di trattativa nazionale tra le esperienze sindacali autorganizzate dei riders, le piattaforme e il Governo perchè - continua Pirone - anche nella nostra esperienza bolognese abbiamo visto come i grandi colossi internazionali cerchino di sviare qualsiasi forma di regolamentazione però, allo stesso tempo, hanno affermato che su un piano nazionale sarebbero disposti a sedersi e a trattare, quindi ci sembra importante provare a lavorare anche in questa direzione".

Intanto a Bologna un passo in avanti è stato fatto. La settimana scorsa è stata firmata la “Carta dei diritti fondamentali dei lavoratori digitali nel contesto urbano” dal Sindaco Virginio Merola e dall'assessore al Lavoro Marco Lombardo, da Riders Union Bologna, dai segretari di Cgil, Cisl e Uil e dai vertici di Sgnam e Mymenu, marchi della nuova società Meal srl. Leggi la carta diritti

La Carta nasce dalle sollecitazioni che Riders Union, il sindacato dei lavoratori delle consegne a domicilioha rivolto all'Amministrazione Comunale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qui il video della firma in Comune

Quelli con il ministro sono quindi "incontri preliminari, in cui anche il Governo valuterà se ci sono i margini o no e farà le sue scelte", aggiunge il rappresentante di Riders Union: "Noi non siamo disposti a delegare a nessuno la decisione su quella che sarà la regolamentazione del settore ed è importante che ci siano le voci dei riders delle diverse città al tavolo". Per i fattorini bolognesi, "solo attraverso un reale processo democratico, partecipato e trilaterale, quindi anche con le aziende - rimarca Pirone - si potrà davvero arrivare ad una regolamentazione del settore". Ora, come prossimo passo, "vediamo se ci sarà davvero questo secondo incontro. Da parte nostra continueremo nel nostro lavoro su Bologna". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 26 marzo: i dati comune per comune

  • A1 Bologna-Firenze: chiuso tratto "Panoramica" tra Aglio e Roncobilaccio

  • Coronavirus in Emilia-Romagna, l'aggiornamento: rallentano i contagi. Bologna piange altri 4 morti

  • Coronavirus, bollettino: 10.054 casi positivi (+800) in Regione. Altri 17 morti in provincia di Bologna

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 29 marzo: i dati comune per comune

Torna su
BolognaToday è in caricamento