menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutele riders, la Regione approva la legge all'unanimità: 'Solo simbolico'

Parte da viale Aldo Moro dunque la richiesta di maggiori tutele per i riders e gli altri lavoratori delle piattaforme digitali

L'assemblea legislativa regionale ha approvato oggi all'unanimità, col voto di tutti i partiti, il progetto di legge alle Camere presentato dai consiglieri della sinistra (Yuri Torri, Igor Taruffi, Silvia Prodi e Piergiovanni Alleva) sulla scia di quanto fatto in Regione Piemonte ma anche sotto le Due Torri con la carta di Bologna.

Parte da viale Aldo Moro dunque la richiesta di maggiori tutele per i riders e gli altri lavoratori delle piattaforme digitali. La legge è stata votata anche dal Movimento 5 stelle, che nei giorni si era astenuto in commissione in attesa di sviluppi a livello nazionale.

Consegna cibo a domicilio: firmata la carta dei diritti dei lavoratori

"È un sollecito e un rafforzamento del lavoro che si sta facendo in Parlamento", ha detto in aula il capogruppo M5s Andrea Bertani annunciando il voto a favore. Fallito infatti da tempo il tavolo aperto dal ministro del Lavoro Luigi Di Maio, l'attesa è ora tutta per una legge nazionale che regoli il settore della gig economy. "È fondamentale dare a tutti i lavoratori diritti fondamentali- afferma l'assessore regionale al Lavoro Patrizio Bianchi-. Ed è auspicabile che sia l'Emilia-Romagna ad assumersi l'onere di essere riferimento a livello nazionale".

"Un atto apprezzabile ma il cui valore è solo simbolico". Si tratta, in sostanza, di "una pressione in più sul Parlamento, che è già stata fatta in Piemonte e nel Lazio, ma che non ha validità giuridica" hanno commentato i riders di Bologna, che oggi hanno tenuto una conferenza stampa davanti al McDonald's di via Ugo Bassi.

Qualche settimana fa i riders avevano messo in piedi uno sciopero delle consegne a sorpresa, puntando il dito principalmente contro l'azienda Glovo, alla quale contestano un ulteriore peggioramento delle retribuzioni, con l'introduzione del cottimo totale senza salario orario minimo. Già in precedenza vi era stato un incontro tra l'azienda e il sindacato, conclusosi con un nulla di fatto, scatenando ulteriori proteste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento