Riders, piattaforma passa al cottimo totale: "Una vergogna, boicottate le consegne"

Il sindacato: "Ieri i riders di Glovo avrebbero ricevuto una mail preoccupante, con il quale l'azienda comunica che il minimo orario garantito che ancora sussisteva in parte delle fasce orarie verrà del tutto eliminato"

Brutte notizie per i riders, che fra l'altro avavano protestato proprio qualche giorno fa per le loro condizioni lavorative. In particolare per i ciclofattorini che lavorano per una delle principali piattaforme di consegne a domicilio, Glovo che consolida il cottimo come metro di pagamento. Ad annunciarlo sono i ragazzi di Riders Union Bologna, che denunciano la cosa sui social.  

"Peggiorano ancora le condizioni passando al cottimo assoluto, una vergogna. Presto nuove mobilitazioni - dice il sindacato indipendente - Ieri i riders di Glovo hanno trovato nella casella di posta elettronica un messaggio preoccupante, con il quale l'azienda comunica che il minimo orario garantito che ancora sussisteva in parte delle fasce orarie sara' del tutto eliminato".

Continua il post: "il minimo orario esisteva sempre ed era di 6,4 euro netti l'ora". Poi, nel febbraio del 2018 "ci fu un peggioramento drastico- scrivono ancora i riders- con alcuni slot orari pagati esclusivamente a cottimo e altri in cui sussisteva il minimo orario, ridotto a 4,4 euro netti. Ci mobilitammo contro Glovo con uno sciopero molto partecipato, cui l'azienda non diede risposte". E ora il minimo orario, "gia' di per se' il piu' basso e scandaloso dell'intero settore, viene totalmente eliminato: Glovo- attacca Riders Union- consolida il cottimo come metro di pagamento, mettendo a tacere ogni possibile riconoscimento dei nostri diritti".

Quello arrivato da Glovo è un segnale negativo che i ciclofattorini leggono anche alla luce dello stallo in cui si e' arenato il confronto a livello nazionale: "La mancata realizzazione delle promesse da parte del Governo sta lasciando mano libera alla vendetta delle piattaforme, che non ci vogliono perdonare per aver alzato la testa e denunciato le paghe ridicole, le tutele assenti, il super-sfruttamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i riders, "le multinazionali vogliono vendicarsi, ma noi non staremo a guardare. Presto ci saranno nuovi scioperi e nuove mobilitazioni contro Glovo, che stiamo gia' preparando". Nel frattempo, continua il post, "invitiamo clienti e consumatori a boicottare in massa" un'azienda definita "immorale". Questo modello d'impresa "non passera', i riders non sono piu' disposti a subire questi ricatti e non si fermeranno fino al raggiungimento di tutti i diritti oggi assenti", si conclude il post.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento