rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Cronaca

Stretta sull'abbandono dei rifiuti, nuova campagna Hera: multe fino a 3mila euro

Nuova campagna di informazione e sensibilizzazione lanciata dal Comune e da Hera per arginare il fenomeno, in crescita, dell'abbandono di rifiuti per strada. Collaborazione con la Municipale per garantire "un intervento mirato"

"Se abbandoni i rifiuti, offendi la città'. Lasciare i rifiuti per strada è un illecito punibile con multe fino a 3.000 euro". E'' il messaggio diffuso dalla campagna di informazione e sensibilizzazione lanciata dal Comune di Bologna e da Hera per arginare il fenomeno, in crescita, dell'abbandono di rifiuti per strada.

Presto le grafiche della campagna compariranno su bus, poster, dépliant multilingue e flyer allegati alla bolletta della Tari. Imposta che "non aumenterà'", ribadisce il sindaco Virginio Merola, che oggi ha presentato la campagna insieme all''amministratore delegato di Hera, Stefano Venier. 

Il primo cittadino sottolinea la "buona risposta" che la città sta dando sul fronte della differenziata, salita a una media del 45% con un picco vicino al 60% dove sono entrate in funzione le mini-isole interrate e la raccolta domiciliare. Si tratta di risultati "soddisfacenti" anche per Venier: dove sono arrivati i nuovi progetti, per il centro storico si è passati dal 32% al 60% mentre al Savena, con l'arrivo delle calotte, dal 47% al 57%. "Numeri poco prefigurabili 12 o 18 mesi fa", sottolinea il manager. Parallelamente, però, aumentano anche gli abbandoni e Merola promette un "giro di vite": è una situazione che "va presa di petto", perché "le regole del senso civico riguardano tutti". Se è vero che "la stragrande maggioranza dei bolognesi le rispetta", aggiunge il sindaco, allo stesso tempo è importante fare in modo che il lavoro svolto "non venga vanificato e umiliato da persone che pretendono di fare quello che vogliono". 

Dal 19 febbraio scorso, è scesa in campo anche la Polizia municipale in borghese con 23 interventi e sette verbali, applicando, la sanzione minima di 50 euro. Merola promette che i controlli aumenteranno. Infine, tramite l'app del Rifiutologo sono arrivate circa 9.000 segnalazioni di cui oltre 2.000, dal settembre 2015, riguardano l''abbandono di ingombranti. Inoltre dal settembre 2012 le Guardie ecologiche volontarie (Gev) hanno effettuato 2.757 verbali: 650 nel 2014 e 700 (su circa 1.000 controlli) nel 2015, anno in cui le sanzioni (fino a 250 euro) hanno portato ad un ammontare di 30.000 euro

Per monitorare il fenomeno dell''abbandono di rifiuti, Hera ha elaborato anche una mappa dettagliata che ha consentito al Comune di introdurre alcune azioni come il ritiro ad hoc per chi lavora di notte o lo stazionamento di un mezzo mobile, la domenica, per la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici. Un raccordo più stretto dunque con la Polizia municipale" e per garantire "un intervento mirato". Per quanto riguarda le difficoltà incontrate di recente nella raccolta dei rifiuti, "oggi è entrato in funzione il nuovo servizio e non ci è stato segnalato alcun disguido particolare", riferisce Venier. Infine, c'è il tema delle isole ecologiche interrate. Oggi sono 65 quelle attive e altre sette entreranno in funzione al Pratello dal 4 aprile. Ulteriori 49, poi, arriveranno al Saragozza e S. Stefano quando saranno sbloccate le autorizzazioni (sono otto le postazioni ancora in attesa). (agenzia dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stretta sull'abbandono dei rifiuti, nuova campagna Hera: multe fino a 3mila euro

BolognaToday è in caricamento