rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca

Rifiuti, aumenta la differenziata, ma è ancora rebus sulla tariffa puntuale

Il capoluogo sconta il fatto di essere approdo per molti non residenti. Bonaccini: 'Ci stiamo lavorando'

La raccolta differenziata è al 64,3% in Emilia-Romagna nel 2017, con un +2,5% rispetto all'anno precedente. Soprattutto, già 107 Comuni, in pratica uno su tre in regione, ha superato la soglia-obiettivo del 73% fissata per il 2020.

L'aumento della differenziata corrisponde a un calo dell'indifferenziato, un milione e 35mila tonnellate lo scorso anno: -8,65% rispetto al 2016. Una sessantina sono invece i municipi dell'Emilia-Romagna che ad oggi applicano la tariffa puntuale ai propri residenti, li fanno cioè pagare in base alla quantità di rifiuti conferiti.

E' questo un altro obbligo stabilito per il 2020 dalla legge regionale sull'economia circolare. "Sono dati estremamente positivi, le misure che abbiamo preso stanno dimostrando la loro efficacia", chiosa l'assessore regionale all'Ambiente, Paola Gazzolo, presentando le cifre in conferenza stampa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, aumenta la differenziata, ma è ancora rebus sulla tariffa puntuale

BolognaToday è in caricamento