rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Rifiuti, aumenta la differenziata, ma è ancora rebus sulla tariffa puntuale

Il capoluogo sconta il fatto di essere approdo per molti non residenti. Bonaccini: 'Ci stiamo lavorando'

"Le difficoltà di Bologna sulla tariffa puntuale? Stiamo sviluppando un progetto condiviso, ci vedremo in autunno e sicuramente prenderemo insieme le decisioni. E' chiaro che puntiamo il più possibile a rispettare le scadenze". Il capoluogo regionale, che sconta di essere 'vissuto' ogni giorno da molte più persone rispetto ai residenti, ha a disposizione un contributo regionale di 4,6 milioni per tenere il passo

La raccolta differenziata è comunque oltre il 50% in tutte le province emiliano-romagnole. Parma tocca il 77,6%, con un balzo del 3,7% rispetto al 2016. Reggio Emilia segue col 71,3% (+2,9% rispetto all'anno prima), poi Ferrara col 68% e mette a segno l'aumento più rilevante sull'anno precedente, +7,2%. Poi Modena con il 67,8% (+3%), quindi Rimini al 63,5% (+3,3%) e sale anche la Città metropolitana di Bologna con un +2,8%, raggiungendo il 59,5% di differenziata. Forlì-Cesena si attesta al 56,4% (+0,8) mentre Ravenna è sostanzialmente stabile col 54,8% (-0,4%). Calo solo per Piacenza, al 61,1% rispetto al 63,4% dell'anno precedente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, aumenta la differenziata, ma è ancora rebus sulla tariffa puntuale

BolognaToday è in caricamento