Trovato di sera alla stazione di servizio: "Sono qui da tre giorni, arrivo dall'Afghanistan"

I carabinieri hanno soccorso un giovanissimo ragazzo straniero, trovato infreddolito e in stato confusionale in una stazione di carburante nei pressi della A14

Ha raccontato di avere 15 anni, di essere cittadino afgano in fuga di essere rimasto nei dintorni da circa tre giorni. I carabinieri di Castel San Pietro hanno trovato così un giovanissimo ragazzo, soccorso nei pressi di una stazione di servizio in via San Carlo, in prossimità della autostrada A14.

Tutto è partito da una segnalazione di un automobilista in transito, che ha notato l'adolescente vagare senza meta. I Carabinieri della Stazione di Castel San Pietro Terme si sono diretti sul posto e quando sono arrivati, hanno trovato un ragazzino denutrito e infreddolito.

Il ragazzo che ha dichiarato di essere un 15enne afghano, ha raccontato di essere arrivato in Italia da tre giorni, dopo un viaggio di fortuna iniziato alcuni mesi fa, attraversando la Penisola balcanica.

Non è ancora chiaro chi e con quale mezzo lo abbia portato in Italia, dove comunque è stato scaricato in una località ignota ed ha girovagato fino a raggiungere il luogo in cui è stato rinvenuto. I militari hanno allertato il 118 che dopo averlo visitato, lo hanno trasportato in ospedale dove lo hanno ricoverato sottoponendolo ad accertamenti sanitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento