Fase due e riaperture, Bonaccini: "Se distanze non cambiano è un problema"

La Regione vara protocolli da un metro di distanza, ma le linee-guida dell'Inail a ora ne prevedono due. il governatore ammette: "Da qui a fine anno l'emergenzacosterà decine di migliaia di posti"

"Se le linee guida Inail fossero così rigorose che per un esercente, un barista, un ristoratore o un gestore di stabilimento balneare diventa praticamente impossibile aprire sarebbe un bel problema".

Punta i piedi il presidente Stefano Bonaccini, all'indomani del varo del decreto rilancio del governo Conte e il giorno dopo la diffusione dei protocolli della Regione per tutte le attività per turismo e ristorazione. Il governatore è intervenuto di buon mattino alla trasmissione Omnibus de La7.

Da Viale Aldo Moro l'indicazione che si legge è quella del metro di distanza, unità di misura ben metabolizzata dalla popolazione in questi due mesi di lockdown e che, secondo i desiderata della Regione, dovrebbe essere l'unità di misura del distanziamento fisico tra le persone anche nella fase due.

Il tutto però stride con le indicazioni dell'Inail a riguardo, che invece prevede il doppio per quanto riguarda -per esempio- la distanza da garantire in bar e ristoranti nella fase di 'convivenza' con il virus.

E così Bonaccini (che oltre a essere presidente della Regione Emilia-Romagna è anche rappresentante delle regioni tutte con il governo vuole mettere le mani avanti. Nel decreto annunciato ieri da Conte non vi è riferimento alle distanze, segno che ancora il tutto -a pochi giorni ormai dal via formale per le attività, il 18 maggio 2020- è in fase di trattativa.

"Se ci vorrà qualche giorno in più non credo che sarà questo il problema nel dramma che stiamo vivendo", dice Bonaccini. "Il problema è che si possa ripartire". E ancora: "Io voglio confidare che ci guarderemo negli occhi e vedremo come applicarle, tenendo conto che la tutela della salute è sempre al primo posto". "Speriamo- conclude poi Bonaccini- che si possa ripartire se non con le condizioni tutte certe al 100% almeno con una buona dose di organizzazione che tuteli la salute e faccia lavorare".

Quanto al conto che si presenta, dopo due mesi di chiusura forzata Bonaccini ammette: "Nei cinque anni precedenti- ricorda il governatore- portammo la disoccupazione dal 9% a sotto il 5%. Recuperammo quasi 150mila posti di lavoro. Si prevede da qui a fine anno, invece, che si ritorni a perdere qualche decina di migliaia di posti di lavoro. Ma noi non vogliamo disperare". L'industria ad alto tasso di export è ora ripartita. "È tornato al lavoro oltre mezzo milione di persone lunedì scorso e mi auguro che puntando sulla qualità dei prodotti si possa via via riprendere", dice ancora Bonaccini. Invece, "il turismo è il settore più in difficoltà", anche se l'Emilia-Romagna conta molto sul bonus vacanze varato dal Governo.

Leggi anche: 

Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 13 maggio: +52 casi, ancora 20 morti ma 300 malati in meno

Coronavirus, bollettino Bologna e provincia 13 maggio: tutti i dati comune per comune

Ok alle riaperture per parrucchieri, tatuatori & co: "Più confusione che gioia, tempi troppo stretti per adeguarsi"

Covid-19 fase due, cosa cambia negli ospedali: "Check point, sale d'attesa vuote, distanze e teleconsulti"

Petropulacos nel comitato nazionale: "Fortuna l'esperienza nella sanità di questa regione"

L'Emilia Romagna riparte il 18 maggio: riaprono negozi, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti. E anche le spiagge

Covid, spiaggia e mare, si riparte lunedì 18 maggio: le nuove regole per un'estate in sicurezza

Coronavirus, ancora focolaio e morti nella casa anziani a Monteveglio. Il sindaco: "Come si è arrivati a questi numeri?"

Covid e mortalità a Budrio: nel mese di aprile +53,8% di decessi rispetto all'anno precedente

Test sierologici ai cittadini: "Chi aderirà si sottoporrà a tutto ciò che il programma richiede"

Coronavirus, "discesa" della Madonna di San Luca: obbligo di mascherine e no processioni

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento