rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca Navile / Via Marcantonio Raimondi

Oggi i RIS a casa di Biagio Carabellò e della Volpe: "La Procura ci ha dato ascolto"

"Adesso non ci resta che attendere gli esiti" ha commentato l'avvocato Iannuccelli. La sorella dello scomparso: "Ai vicini e al quartiere chiedo di aiutarci ad arrivare prima alla verità se hanno visto qualcosa"

Questa mattina i Ris sono stati a casa di Biagio Carabellò. La settimana scorsa, a 15 mesi dalla scomparsa dell'uomo, i Carabinieri avevano fatto il primo sopralluogo nell'appartamento di via Raimondi, dopo che la sorella Susanna e l'avvocato nominato dalla famiglia Barbara Iannuccelli, avevano notato delle strane macchie e scoperto dei medicinali che avrebbero potuto dimostrare un passaggio a casa di Biagio prima di sparire nel nulla. Mescolando ancora le carte, verrebbe da dire, e facendo aprire nuove possibili strade. 

L'avvocato Iannuccelli ha spiegato che i Ris hanno prelevato degli elementi e sottoposto gli ambienti all'esame del luminol: "Non solo qui in casa di Biagio. Sono andati anche a casa di Simona Volpe, la donna sospettata di aver falsificato il testamento della fidanzata di Biagio Elisabetta Filippini - Siamo abbastanza stanchi a questo punto, sia fisicamente che mentalmente. Ogni passo avanti è molto sudato". 

"La notte faccio ancora gli incubi su mio fratello - ha detto la sorella di Biagio - ma siamo vicini alla verità e chiedo a chiunque, fra i vicini e le persone del quartiere, qualora venisse loro in mente qualche particolare, di farsi avanti e non avere timori. Così alla verità potremo arrivarci più velocemente". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oggi i RIS a casa di Biagio Carabellò e della Volpe: "La Procura ci ha dato ascolto"

BolognaToday è in caricamento