menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rissa tra donne sul bus: 25 bloccato per quasi un'ora in via Mazzini

Calci e pugni sono volati, poi il furto di un cellulare e la pretesa di 100 euro come riscatto: acceso diverbio e relativi disagi ai passeggeri, per futili motivi

Calci e pugni sono volati, poi il furto di un cellulare e la pretesa di 100 euro come riscatto: così un acceso diverbio scoppiato ieri tra due donne a bordo del bus 25. La rissa ha portato al blocco del mezzo, in via Mazzini, per circa un'ora. Il tutto sarebbe da riportarsi ad una lite sorta per futili motivi, ovvero uno spintone per salire sull'autobus.

Ad affrontarsi sono state una bolognese di 51 anni e una quarantenne somala, che alla fine è stata denunciata dalla polizia. La prima a perdere la pazienza, complici forse il caldo e la ressa, è stata la straniera, che ha cominciato a spingere scatenando le proteste verbali della bolognese. Alle parole la donna ha risposto alzando le mani e afferrando per il collo l'altra passeggera. A quel punto sono volati alcuni schiaffi che hanno fatto cadere gli occhiali alla somala, che ha afferrato il cellulare della 51enne pretendendo 100 euro per restituirglielo, come risarcimento per il danno.

La lite, culminata con un calcio sferrato all'addome della bolognese, ha bloccato per quasi un'ora il bus all'inizio di via Mazzini, ed è proseguita anche davanti alla polizia. La ricostruzione fatta dagli agenti con l'aiuto dei testimoni ha evidenziato le responsabilità della straniera, che era anche senza documenti ed è stata portata in Questura per il fotosegnalamento. La donna, già nota alle forze dell'ordine e con il permesso di soggiorno scaduto, è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali ed esercizio arbitraio delle proprie ragioni.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento