Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Savena / Via Mazzini

Maxi-Rissa ai Giardini, Comune: "Percorsi mirati per famiglie e ragazzi'"

Pillati e Frascaroli: "Episodio interpella a diverso titolo la città e le Istituzioni. Per adolescenti sempre più situazioni di rischio". Interpellata Procura Minori per individuare migliori possibilità di intervento

Dopo la maxirissa tra giovanissimi dello scorso venerdì ai Giardini Margherita il Comune studia un piano di azione efficace per prevenire ed arginare il fenomeno di violenza tra gli adolescenti. E le istituzioni cittadine si chiamano in causa - come sottolineano gli assessori Marilena Pillati e Amelia Frascaroli - che vedono  nell'episodio "una chiamata a diverso titolo la città e le sue Istituzioni. Secondo le indicazione che la Procura minori vorrà formulare, vogliamo proporre alle famiglie e ai ragazzi coinvolti percorsi mirati, che permettano una profonda riflessione su quanto accaduto, attraverso i propri Servizi sociali ed educativi ed in collaborazione con l'Ausl. Già da oggi sono stati presi contatti con la Procura minori per individuare le migliori possibilità di intervento. Quanto accaduto rafforza quanto mai la consapevolezza che l'area dell'adolescenza vede sempre più allargarsi le situazioni di rischio, che, in assenza di efficaci azioni educative di prevenzione, possono sfociare in episodi come quello accaduto ai Giardini Margherita".

Il Comune di Bologna - sottolineano gli assessori - "è da tempo impegnato su questo fronte, soprattutto in rete con le altre Istituzioni, in particolare con le scuole, ma la dimensione e le ragioni del disagio e del malessere che coinvolgono un'ampia fascia dei nostri adolescenti richiedono una riflessione ampia e nuove azioni congiunte e coordinate da parte di tutti gli adulti, che rivestono responsabilità nei compiti educativi. Per fare questo occorre avvicinarsi ancora di più ai ragazzi, ascoltarli, comprendere qual è il loro disagio e fare sentire loro che c'è una città che 'vuole farsi vicina per affrontare insieme il presente e il futuro con meno paura'.

Intanto dal Garante dei Minori preoccupazioni per quello che si profila come un fenomeno 'nuovo per noi'. (leggi la ns intervista) e le indagini scaturite dopo l'atto violento continuano a fare il loro corso. E' stata infatti aperta un'inchiesta per rissa aggravata e istigazione a delinquere. A 'sfidars' lo scorso venerdì 250 ragazzi - tra i 14 e i 18 anni - 'Bolobene vs Bolofeccia' e l'appuntamento per lo scontro parte dalla rete.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi-Rissa ai Giardini, Comune: "Percorsi mirati per famiglie e ragazzi'"

BolognaToday è in caricamento