Cronaca

La linea Porretta-Bologna ancora in tilt: “Quattro ore per tornare a casa”

Lo ha raccontato il Comitato per la ferrovia Porrettana

QUI PER ISCRIVERSI AL CANALE WHATSAPP DI BOLOGNATODAY

Ritardi fino a quattro ore e con bus sostitutivi inesistenti. C’è un altro capitolo nell’Odissea dei pendolari della linea ferroviaria Bologna-Porretta. Nella sera di ieri, 20 giugno, la linea è stata "completamente interrotta ieri sera a causa di un guasto alle infrastrutture di Rfi. Alcuni viaggiatori hanno impiegato quasi quattro ore per raggiungere la propria abitazione. Come al solito, nessuna comunicazione ai pendolari lasciati inermi nelle stazioni che hanno aspettato invano inesistenti bus sostitutivi, alla faccia di quanto previsto dal contratto di servizio”.

L'unico treno che è riuscito a transitare verso Porretta, riferisce Valerio Giusti del comitato, “è arrivato oltre l'una di notte con a bordo tutti coloro che non avevano familiari a disposizione per andarli a prendere con l'automobile in una delle stazioni”. Ma la giornata di ieri, assicurano i pendolari, è stata solo “l'apice dei continui disservizi vissuti in questi giorni dagli utenti dell'appennino bolognese a cui si somma l'introduzione del passante ferroviario per Pianoro, fortemente voluto dalla Città metropolitana”.

Per i pendolari che arrivano in stazione a Bologna, oltre ai consueti ritardi, “inizia una sorta di frenetica caccia al tesoro per capire se il treno partirà dal primo binario, dal terzo, o addirittura dal piazzale est, spesso costretti a correre da un piazzale all'altro per non rimanere a piedi: è sparito anche quel poco di stabilità che in questi anni ci aveva garantito l'arrivo protetto al piazzale ovest”. Lo riporta l’agenzia Dire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La linea Porretta-Bologna ancora in tilt: “Quattro ore per tornare a casa”
BolognaToday è in caricamento