Al lavoro dopo le ferie: rischio 'post-vacation-blues', ecco come superarlo

Colpisce un italiano su 10, ma è possibile superarlo in poche mosse. Lo psichiatra Michele Cucchi: "Difficoltà di concentrazione, emicranie, sensazione di confusione e stordimento. Ma anche ..."

Stress, irritabilità, spossatezza. Per chi si è concesso una vacanza per staccare dagli impegni quotidiani è in agguato il ‘post vacation blues’, più comunemente conosciuto come stress da rientro. E sono proprio questi i giorni a rischio: le città tornano a popolarsi, l'ufficio riapre, il telefono torna a squillare dopo una, due o addirittura tre settimane di quiete. 

Ne abbiamo parlato con lo psichiatra del Centro Medico Santagostino Michele Cucchi, che ci ha spiegato di che si tratta, come si manifesta e quali sono le 'regole' per superare questo problema e tornare al lavoro con slancio.

Ci spiega cos'è il post vacation blues?

"E' il famigerato stress da rientro individuato dai ricercatori dell’Università di Granada che, secondo l’ISTAT, colpisce un italiano su 10. Per molte persone i giorni del rientro possonoo rappresentare un momento di ansia e depressione, amplificato dalle innumerevoli commissioni accumulate nei mesi precedenti e dalla crisi economica e occupazionale".

Qualche accorgimento per tornare alla routine quotidiana senza troppi fastidi?

“Il rientro al lavoro dopo un periodo di vacanza può effettivamente creare disagio, alcuni studi suggeriscono infatti che addirittura sia il 50% dei vacanzieri a soffrirne – spiega il dottor Michele Cucchi – Questo stress da rientro spesso consiste in un senso di spossatezza, che porta con sé difficoltà di concentrazione, emicranie, sensazione di confusione e stordimento. Ma non è tutto, possono insorgere infatti ulteriori problematiche come l’attivazione neurofisiologica con tachicardia, ipersudorazione, dolori muscolari, oltre che sintomi a maggior connotazione affettiva come perdita di entusiasmo, irritabilità, rimugino e chiusura relazionale”.

"Basta quindi un lunedì lavorativo dopo le ferie per far svanire i benefici del riposo appena goduto, come ha dimostrato una ricerca della ‘Radboud University’ nei Paesi Bassi. Gli studiosi hanno chiesto al campione di ricerca preso in analisi di evidenziare il personale stato di benessere generale due settimane prima delle vacanze, in vacanza e due settimane dopo il rientro: i risultati hanno rivelato che i livelli di soddisfazione psicofisica sono andati in picchiata una volta rientrati sul luogo di lavoro". 

Ma perché nasce questa problematica al rientro dalle ferie?

“Per alcune persone la vacanza significa annullare l’inerzia dell’abitudine, quella che ci porta a fare tante cose in modo automatico, in una specie di trance agonistica sempre di corsa. Al rientro dalla vacanze possono sorgere spontanee domande come ‘perché faccio tutto questo?’, mettendo in discussione quelle abitudini che non sono il consolidamento di comportamenti adattivi, come dovrebbero essere le abitudini appunto, ma il frutto di una vita forse troppo freneticamente all’inseguimento di aspettative e ritmi più subiti che voluti. I sintomi però hanno una dimensione fisica oltre che psicologica. Non è solo un problema di vissuto e di atteggiamento mentale, ma anche di “omeostasi cerebrale”; è come se il nostro cervello avesse dimenticato alcuni schemi che riproduceva “a memoria” consentendoci efficienza e velocità, e va in panne momentaneamente nel tentativo di ritrovarli”.

Secondo il dottor Cucchi esistono anche profili maggiormente abitudinari, che subiscono meno le variazioni di routine: “Le persone che vivono di regolarità, che non amano le novità, si sentiranno bene nel tornare ai vecchi ritmi e abitudini, che sono il rifugio da ansia e insicurezza, individui che potremmo definire dei ‘diesel’.

Le persone ambiziose e competitive tendono invece a risentirne maggiormente: "Sono 'motori da corsa' che fanno fatica a tornare al concetto di abitudine. Il post vacation blues in ogni caso è un passaggio fisiologico che svanisce in pochi giorni. Il nostro organismo è infatti progettato per adattarsi rapidamente al cambiamento. Se invece si manifesta un disagio permanente, tecnicamente chiamato sindrome da adattamento, questa difficoltà di adattamento si è trasformata in uno squilibrio del sistema ormonale deputato a reagire allo stress. In questi casi può avere senso chiedere un supporto ad uno specialista”.

Ecco le 'regole' dello psichiatra Michele Cucchi per vincere il “post vacation blues” e tornare al lavoro senza problemi:

1. PRIMA REGOLA: VOLTARE PAGINA 

Per superare lo stress da rientro è fondamentale pensare che il ritorno al lavoro sia un’occasione per rinnovare alcune abitudini, ripensare ad alcune modalità, scegliere strategie e direzioni leggermente diverse, per sentirsi più padroni del proprio tempo e della propria rotta. --->

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

Torna su
BolognaToday è in caricamento