Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ritratto di Gonfaloniere" di Artemisia Gentileschi raccontato da Silvia Battistini

Silvia Battistini racconta il dipinto di Artemisia Gentileschi "Ritratto di Gonfaloniere" appena tornato dalla National Gallery di Londra

 

Disallestito il 14 settembre scorso, il dipinto torna ad essere esposto nel museo situato a Palazzo d'Accursio, dopo il prestito concesso alla National Gallery di Londra per l'organizzazione della mostra Artemisia, prima grande monografica dedicata alla pittrice italiana in Gran Bretagna, che si è aperta il 3 ottobre per concludersi il 24 gennaio 2021 con unanime apprezzamento di critica e pubblico.
Acquisita dal Comune di Bologna nel 1910 per eredità di Agostino Sieri Pepoli, l'opera si può ammirare nella Sala 1 del percorso espositivo, dove sono raccolte grandi tele seicentesche raffiguranti i volti di gentiluomini e gentildonne di antichi casati.

Il lavoro fu eseguito nel 1622, come attesta la firma autografa un tempo leggibile nel retro della tela, prima della sua rifoderatura: ARTEMISIA GENTILESCA FACIEBAT ROMAE 1622. Il dipinto a olio, uno dei pochi della pittrice a risultare datato, costituisce un fondamentale documento della sua attività ritrattistica, elogiata dai contemporanei ma non altrimenti testimoniata da opere certe.

Del gonfaloniere pontificio effigiato a figura intera non si conosce l'identità. Egli sfoggia un'elegante armatura militare splendidamente valorizzata dalla vibrante qualità luminosa del tessuto pittorico. L'impostazione del dipinto corrisponde alla collaudata tipologia del ritratto aulico a figura intera introdotta da Tiziano, tesa a commemorare il ruolo sociale e politico della persona raffigurata attraverso gli attributi di rango. A dispetto di questo schema tradizionale, la vivacità e la penetrazione psicologica del ritratto, il taglio audace della luce di chiara impronta caravaggesca, il virtuosismo nella resa dei differenti materiali, fanno di questo dipinto un capolavoro di straordinaria modernità, fra i massimi esempi della ritrattistica italiana nel Seicento.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento