rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Cronaca

Manifestazione Rom: 'Bella occasione per Bologna, accogliente e antifascista"

Così il consigliere comunale Pieralisi, mentre l'onorevole vendoliano Paglia, dopo le contro-manifestazioni di protesta annunciate, manda a dire: "no a destre xenofobe" difendendo il diritto della comunità rom sinti a scendere in piazza per "protestare vs l'ondata di odio che li riguarda, per ricordare le vittime sinti della Uno Bianca..."

Il 16 maggio sfileranno per le strade di Bologna le comunità rom e sinti d'Italia per chiedere diritti e integrazione. Polemizza sul corteo la Lega Nord, pronta a chiederne lo stop, mentre Forza Italia, Fratelli d'Italia e Forza Nuova hanno annunciato nei giorni scorsi delle contro-manifestazioni.
Comune e Questura lavorano per mantenere l'ordine pubblico. E anche parte della politica locale si batte per bloccare le arginare le contestazioni nelle pubbliche piazze  ricordando che 'Bologna non ha bisogno di altri disordini'. E' di questo avviso, ad esempio, il consigliere comunale del  Movimento 5 stelle, Max Bugani, che ha anche i colleghi della politica locale "sfruttare i luoghi istituzionali per dare forza alle proprie idee e non scenda alla bassezza delle contro-manifestazioni".

Anche Sel scende in campo sul tema, attaccando "gli strali delle destre colte da rancore e isterie nei confronti del corteo rom-sinti". L'onorevole vendoliano Giovanni Paglia sottolinea "occorrerà  garantire che le comunità rom e sinti possano esprimersi liberamente avendo per altro ottenuto tutti i regolari permessi da Comune e Questura. Scenderanno in piazza per affermare il diritto alla loro identità, per protestare contro l'ondata di odio indiscriminato che li riguarda, per ricordare le vittime sinti della banda bolognese della Uno Bianca; e lo faranno il 16 maggio per celebrare la rivolta degli internati sinti e rom nei campi nazisti."
Cosa ne pensano Forza Italia e compagnia della persecuzione nazifascista nei loro confronti? Si chiede ancora il vendoliano, che manda a dire "la sicurezza si costruisce riqualificando socialmente le periferie, non con astratti slogan."
Dal canto suo Paglia fa sapere di essere stato invitato al corteo dalla comunità ron-sinti e che parteciperà "ben volentieri perché la valorizzazione delle differenze è uno dei capisaldi della democrazia e della civile convivenza."

Sulla stessa lunghezza d'onda è Mirco Pieralisi, consigliere comunale indipendente, che ribadisce che durante il corteo "sarà necessario "esercitare una solidale vigilanza democratica affinchè le forze reazionarie, xenofobe, fasciste non mettano in atto provocazioni". Per il consigliere, la scelta della nostra città per la manifestazione nazionale rom e Sinti 'è una bella occasione per Bologna, città accogliente, democratica, antifascista e antirazzista". Pieralisi poi chiosa: "Siamo convinti che le adesioni di tutte le forze democratiche a questa giornata si moltiplicheranno. Saremo presenti alla manifestazione non solo per dare il nostro benvenuto e il nostro sostegno a tutti i partecipanti, ma per essere parte attiva di questa iniziativa in coerenza con tutte le attività che, a partire dalle scuole, praticano l'accoglienza, l'ascolto, la solidarietà, la valorizzazione delle differenze".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazione Rom: 'Bella occasione per Bologna, accogliente e antifascista"

BolognaToday è in caricamento