menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto repertorio

foto repertorio

Rom, progetto di legge in Regione: si punta su casa, salute, istruzione e lavoro

Superamento dei campi sosta di grandi dimensioni, tutela della salute, sostegno all'istruzione e all'inserimento lavorativo. Sono alcuni degli obiettivi del progetto di legge di iniziativa della Giunta regionale per l'inclusione di rom e sinti

Superamento dei campi sosta di grandi dimensioni, tutela della salute, sostegno al conseguimento dell'obbligo scolastico e all'inserimento lavorativo. Sono alcuni degli obiettivi del progetto di legge di iniziativa della Giunta regionale per l'inclusione di rom e sinti, progetto di legge che recepisce la Strategia europea per l'integrazione di queste popolazioni e andrà a sostituire (dopo l'approvazione in Assemblea) la precedente legge regionale (47/1988).
"I principi della legalità, della responsabilizzazione delle comunità rom e sinti e del risparmio dei finanziamenti pubblici sono alla base del nuovo provvedimento- sottolinea Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione e assessore a Welfare e Politiche abitative- che punta anche ad abbattere ogni tentazione di esclusione sociale e stigmatizzazione e a promuovere un'integrazione positiva sul versante dell'accesso alla salute, alla scuola e ai percorsi formativi".

Il filo conduttore del progetto di legge è un nuovo patto tra diritti e doveri delle comunità interessate (che rappresentano lo 0,06% della popolazione complessiva dell'Emilia-Romagna).Abitare. Salute. Istruzione. Lavoro. Sono i quattro elementi essenziali della strategia regionale. Rispetto all'abitare si stabilisce la necessità di superare i campi sosta di grandi dimensioni che presentano oggi condizioni inaccettabili di igiene e sicurezza.

Obiettivo è promuovere e sperimentare soluzioni insediative innovative di interesse pubblico, come le micro-aree familiari, pubbliche e private, la cui disciplina viene rimandata a uno specifico atto della Giunta da adottare d'intesa con gli enti locali in sede di Consiglio delle autonomie locali. Viene fissato il rispetto di requisiti inderogabili quali la salubrità, l'igiene, la sicurezza, l'accessibilità, l'integrazione delle prescrizioni urbanistiche ed edilizie. È previsto il ricorso a forme abitative tradizionali, anche attraverso forme di sostegno all'accesso già preventivate per tutti i cittadini e il sostegno a iniziative sperimentali di autocostruzione e autorecupero.

Nell'articolo sono raccolti anche i profili essenziali della disciplina urbanistica ed edilizia delle micro-aree familiari, che dovranno essere articolati dall'atto regionale e dalla pianificazione comunale. Per quanto riguarda la salute, si richiama la priorità stabilita dalla Regione sulla promozione dell'educazione alla salute e l'adozione di stili di vita sani e ribadisce la garanzia di accesso alle prestazioni sanitarie previste per tutti i cittadini. In tema di educazione, istruzione, lavoro e formazione professionale, viene fissato il principio generale della parita'' di accesso a tutti i livelli educativi, scolastici e della formazione e dei servizi e delle politiche attive per il lavoro. È confermato inoltre il sostegno regionale al conseguimento del successo scolastico e formativo e all'inserimento lavorativo. 

agenzia Dire

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento