rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Via Irnerio

Chiosco in montagnola, presidente di quartiere: 'E' un presidio, lo difenderemo'

Rosa Amorevole a proposito dell'annunciata chiusura della gelateria del parco: "Il gruppo di genitori e frequentatori si è rivolto a me per risolvere. Ci incontreremo presto"

E' il presidente del quartiere Santo Stefano Rosa Amorevole la prima figura istituzionale a intervenire sulla vicenda del chiosco dei gelati a rischio sopravvivenza dopo alcuni furti e atti chiaramente intimidatori: "Sono stata chiamata in causa dai frequentatori del parco, dai genitori dei bambini che lo vivono ogni giorno e per i quali il chiosco di Max (il titolare dell'attività ndr) è un punto di riferimento. La gelateria ha la funzione di presidio fisso ed è così che vorrei continuasse ad essere. Bisogna mettere in piedi un progetto". 

E' quasi una promessa quella della Amorevole, che a porte chiuse incontrerà non solo Massimiliano Princigallo, ma anche residenti e genitori: "La percezione è quella che ci sia la chiara intenzione di volerlo far andare via dalla Montagnola, come dimostrano i furti e la rottura delle tazzine di caffè. L'ultimo evento subito è grave e dovremo ragionare su che tipo di azione mettere in atto". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiosco in montagnola, presidente di quartiere: 'E' un presidio, lo difenderemo'

BolognaToday è in caricamento