menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Dire

foto Dire

Alla Dozza l'azzurro Bergamasco in campo con i rugbisti

L'ex terza linea e la squadra di detenuti hanno guardato insieme i quarti di finale dei mondiali di rugby, poi la speciale sessione di allenamento e mental coaching prima dell'ultima amichevole precampionato

Mauro Bergamasco è stato allenatore per un giorno dei Giallo Dozza, la squadra composta da circa 40 detenuti della Casa circondariale di Bologna e iscritta al campionato ufficiale della Federazione italiana rugby. Bergamasco è un'icona del rugby azzurro con 106 caps in Nazionale e quattro scudetti vinti.

L'ex terza linea e la squadra hanno guardato insieme i quarti di finale dei mondiali di rugby, Nuova Zelanda contro Irlanda, per poi scendere insieme in campo per una speciale sessione di allenamento e mental coaching prima dell'ultima amichevole precampionato. Ufficialmente iniziato nel 2013 da un'intuizione del presidente del Bologna Rugby, il progetto 'Tornare in Campo', che vede protagonisti i Giallo Dozza, si è posto come obiettivo il recupero fisico, sociale e educativo dei detenuti attraverso l'insegnamento del rugby all'interno del carcere della Dozza di Bologna.

Sui 200 detenuti coinvolti in questi anni, con pene dai quattro anni all'ergastolo, il tasso di recidiva è pressoché inesistente, pari allo 0,5%. Il Giallo Dozza è cresciuto negli anni arrivando a disputare 83 incontri e registrando un piazzamento che ha dello straordinario per una squadra non professionistica, terzi su dieci nel campionato ufficiale di C2.

"La sponsorizzazione della squadra dei Giallo Dozza è uno dei progetti aziendali a cui siamo più legati e al quale ci affezioniamo ogni anno sempre di più. In azienda puntiamo molto sul coraggio, ricordando ai nostri collaboratori di non aver paura di prendersi una responsabilità, pur rischiando di sbagliare, ma preoccupandosi piuttosto di rialzarsi in fretta. I Giallo Dozza sono un formidabile aiuto a trasmettere questo messaggio", sottolinea Marco Bernardi, presidente di Illumia. (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento