rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca

Sale slot lontane da scuole e ospedali, partono le prime chiusure

Lo annuncia l'assessore Aitini. Qualche proroga ad alcuni punti che potranno stare aperti ancora qualche mese

"In questi giorni stiamo mandando i provvedimenti di chiusura alle sale scommesse che non hanno ancora delocalizzato ad almeno 500 metri di distanza da luoghi sensibili come prevede la legge regionale". Lo scrive su Facebook l'assessore alla Sicurezza urbana del Comune di Bologna, Alberto Aitini, aggiungendo che "alcune dovranno chiudere già nelle prossime settimane, altre hanno ottenuto una proroga di alcuni mesi (come previsto dalla legge) per tutelare il più possibile i lavoratori".

Chiusura centri scommesse e sale slot: la protesta in Regione | VIDEO

Inoltre, continua Aitini, "abbiamo emanato l'ordinanza che riduce in modo permanente gli orari di utilizzo delle slot machine in bar e tabaccherie in attesa di toglierle definitivamente alla scadenza della concessione e investito 300mila euro per la prevenzione e il contrasto alla ludopatia". Conclude l'assessore: "La nostra parte la stiamo facendo ma serve anche una legge che contrasti il gioco d'azzardo patologico su internet, un problema molto preoccupante che colpisce in particolare i più giovani. Noi intanto lavoriamo per una Bologna slotfree".

Ludopatia e chiusura centri scommesse: "Costretto a licenziare, ora disoccupato anche io"

A livello regionale, Bologna figura al trentunesimo posto in Italia come tasso di occupazione nel settore, con 17,3 addetti su 100 mila abitanti. Rimini è invece nettamente la provincia italiana con il tasso più alto, 79,2 abitanti ogni 100 mila. Forlì-Cesena è nella parti basse della graduatoria, a 4,8.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sale slot lontane da scuole e ospedali, partono le prime chiusure

BolognaToday è in caricamento