Cronaca Porto / Porta San Felice

Porta San Felice, non vuole pagare il taxi: denunciato

Il giovane trovato con addosso un lungo cacciavite, dopo un diverbio con il tassista, sotto accusa per aver causato un malore con la sua guida

Un italiano di 33 anni è stato denunciato questa notte dalla Polizia, nell'ambito di un diverbio con un tassista avvenuta in Piaza di Porta San Felice. L'uomo, visibilmente ubriaco, si trovava in compagnia della fidanzata e di un altro amico.

I tre, al termine della serata, hanno chiamato il taxi, che li ha caricati. Durante il tragitto il ragazzo, che si sentiva poco bene per via dell'alcool, avrebbe intimato più volte al tassista di moderare l'andatura. Arrivati in piazza San felice il giovane però non ce la fa più, e vomita fuori dell'abitacolo dell'auto.

Una volta ripreso il controllo del proprio stomaco, il giovane se la prende con il conducente, e rifiuta di pagare la corsa, sostenendo che il servizio era stato fornito male. I toni si alzano, vola qualche spintone, e il tassista poi chiama la polizia. Giunti sul posto, gli agenti hanno identificato il giovane in compagnia della fidanzata, mentre il terzo passeggero, un amico che si era inizialmente proposto di pagare la corsa, si è dileguato prima dell'arrivo della volante. 

Il 34enne è stato infine denunciato per porto abusivo di oggetti atti a offendere, perché durante il corso della perquisizione dell'individuo gli è stato trovato addosso un cacciavite con punta di 15 cm. Quanto alla corsa da pagare, il tassista dovrà farne denuncia.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta San Felice, non vuole pagare il taxi: denunciato

BolognaToday è in caricamento