"Bancarotta fraudolenta": sequestrato noto albergo-ristorante a San Giovanni in Persiceto

Il provvedimento preventivo disposto dal gip. L'ipotesi degli inquirenti è che, dopo una acquisizione, i nuovi proprietari abbiano 'spolpato' la società decotta, lasciando i creditori esposti per circa 400mila euro. Denunciati in tre

Scattano i sigilli della Finanza per un noto albergo-ristorante di San Giovanni in Persiceto. La Guardia di finanza di Bologna ha sequestrato lo stabile in via preliminare, dietro disposizione del gip Sandro Pecorella su richiesta della procuratrice Silvia Baldi. L'ipotesi degli inquirenti è che il locale sia stato oggetto di una operazione volta ad acquisire i rami della vecchia società, in difficoltà economiche e appena ceduta, per poi privarla degli immobili e dichiararne il fallimento, lasciando ai creditori importi inesatti per circa 400mila euro

Per questo sono state denunciate tre persone di 55, 46 e 40 anni, tutti originari di Napoli. L'ipotesi è -a vario titolo- quella di bancarotta fraudolenta. Gli approfondimenti investigativi delle Fiamme gialle hanno ricostruito il presunti ruolo dei tre, che avrebbero in concorso rilevato la società che gestiva l’albergoristorante dalla vecchia proprietà, in difficoltà economiche. 

Era stato pattuito un prezzo, che teneva conto della situazione patrimoniale deficitaria in cui la stessa si trovava, con impegno a coprire le perdite fino ad allora accumulate. In realtà, l’azienda non veniva ricapitalizzata e, pochi mesi dopo l’acquisizione, subiva l’espropriazione dei due rami d’azienda (albergo e ristorante), ceduti a due nuove società -appositamente costituite- riferibili sempre allo stesso imprenditore, senza però che all’operazione corrispondesse il versamento del relativo prezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la Finanza, il gioco di scatole cinesi che hanno portato al sequestro è stato il seguente: "La società-madre, rimasta priva delle uniche fonti di reddito e piena di debiti, veniva quindi lasciata al fallimento che, alla data della sua dichiarazione, vedeva i creditori esposti verso la società per circa € 400 mila. Nel contempo, la documentazione contabile non veniva consegnata al curatore fallimentare nominato, al fine di ostacolare la ricostruzione dei flussi relativi all’ultimo periodo e, in particolare, alle citate cessioni dei due rami d’azienda. Contestualmente al sequestro, sono in corso di esecuzione anche perquisizioni locali (in Emilia Romagna, Campania e Lazio) nei confronti non solo dei tre indagati ma anche di altri soggetti che a vario titolo sono stati coinvolti nelle operazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +544 nuovi casi, boom a Bologna

  • Test sierologici gratuiti e rapidi, ecco l'elenco delle farmacie aderenti a Bologna e provincia

  • Bar e ristoranti, nuova ordinanza: fissato il termine di chiusure e riaperture

  • Top 100 manager Forbes 2020: in classifica anche due bolognesi

  • Covid, Dpcm firmato: ecco le nuove regole anti contagio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento