Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Piazza Bracci

Festa della Liberazione a San Lazzaro: deposizione della corona e Piccolo coro

Dopo il saluto in musica della banda “Città di San Lazzaro” e la deposizione di una corona ai piedi del monumento ai caduti in Piazza Bracci

Questa mattina si è svolta a San Lazzaro la celebrazione del 69° anniversario della Liberazione. Dopo il saluto in musica della banda “Città di San Lazzaro” e la deposizione di una corona ai piedi del monumento ai caduti in Piazza Bracci, il Piccolo coro della Mediateca diretto da Stefania Pombeni ha eseguito l’inno d’Italia e Gam Gam, la canzone che riprende il quarto versetto del testo ebraico del Salmo 23, alla presenza del Sindaco, delle Autorità e dei cittadini. Paola Padovani ha poi letto alcuni brani sulla Resistenza. A conclusione della lettura è intervenuto Estenio Mingozzi, architetto sanlazzarese, sopravvissuto a vari campi di concentramento.

La giornata prosegue con il programma istituzionale ed altri momenti che coinvolgono il territorio: alle ore 15.30 discorso dell’assessora alla Qualità Socio-Culturale all’Arci Bellaria, alle ore 16.30 “Ciao bella ciao” al circolo Ca’ de Mandorli con la partecipazione del Sindaco e dell’assessora alla Qualità delle Risorse. Infine, alle ore 18 al Parco 2 Agosto esibizione del Corpo Musicale “Città di San Lazzaro” alla presenza dell’assessore alla Qualità dell’Integrazione.

Inoltre, fino al 3 maggio la Mediateca ospita la mostra “Il ritorno alla "normalità" dopo il 25 aprile 1945” a cura della Zona Bibliotecaria Valle dell'Idice e dell'Assessorato alla Cultura della Provincia di Bologna (orari: lunedì ore 14-19.30, dal martedì al sabato ore 9-19.30, chiuso sabato 26 aprile).

Anche quest’anno il Comune ha affidato la realizzazione del manifesto per il 25 aprile ad un artista. Il manifesto 2014 è stato realizzato da Marcello Jori e fa seguito a quelli preparati nel 2006 da PierAchille Cuniberti, nel 2007 da Concetto Pozzati, nel 2008 da Luigi Ontani, nel 2009 da Vittorio Mascalchi, nel 2010 da Mario Nanni, nel 2011 da Teresa Curtarello, nel 2012 da Wolfango e nel 2013 da Maurizio Bottarelli. E’ così che il Comune di San Lazzaro, dal 2006, ha deciso di raccontare la Liberazione ed ora costituisce una piccola quadreria nel Palazzo Comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Liberazione a San Lazzaro: deposizione della corona e Piccolo coro

BolognaToday è in caricamento