rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024

Profughi ucraini arrivati a San Lazzaro: "Ho guidato per 35 ore con mia madre e miei tre figli"|VIDEO

Potrebbero arrivare a 60 i rifugiati ucraini ospitati al covid hotel di San Lazzaro

Liliana è arrivata da Leopoli il 24 febbraio dopo aver guidato per 35 ore, tre giorni di viaggio con la madre e i tre figli di 16, 11 e 9 anni. "Mio marito è rimasto lì, con il mio papà e altri amici - racconta - solo gli uomini sono rimasti. E' molto preoccupato, perché la guerra potrebbe arrivare anche a Leopoli. Sarà una guerra lunga e letale". Ieri ne sono arrivati 18, oggi una ventina e potrebbero aumentare i rifugiati ospitati al covid hotel di San Lazzaro. La sindaca Isabella Conti si sta muovendo per organizzare corsi di italiano e assistenza psicologica. 

Caterina, in Italia da 20 anni, questa mattina è al centro d'accoglienza per aiutare i suoi connazionali. "E' una situazione tragica - dice - spero che l'Ucraina entri a far parte dell'Europa, perché il regime dittatoriale di Putin non giova a nessuno. Senza preavviso ha invaso l'Ucraina e non ha lasciato neanche un corridoio per far evacuare i bambini e gli anziani. E' disumano, e pazzo". Caterina a Bologna ha studiato e lavorato come cameriera e barista, pur con alcune difficoltà durante la pandemia. "Adesso sono disoccupata - spiega - ma cerco sempre di rendermi utile nella chiesa ucraina in piazza San Michele. Lì ci arrivano tantissimi aiuti da ucraini, italiani e da persone di altri Paesi  che mandiamo alle dogane per le persone che sono ancora nei bunker e sotto i bombardamenti". A questo proposito, anche il responsabile della struttura ribadisce l'invito a quanti volessero donare materiali da inviare in Ucraina a fare riferimento alle Istituzioni come Regione, Caritas o Protezione civile che "hanno contatti diretti con le linee di confine", in modo da "evitare che materiali inviati tramite percorsi non verificabili si possano perdere". 

Accoglienza profughi, in Comune la “Task force emergenza Ucraina”

Video popolari

BolognaToday è in caricamento