rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca San Lazzaro di Savena / Via Carlo Jussi

Parco dei Gessi: salsicce avvelenate e cinghiali feriti, è allarme bracconaggio

A scriverlo è Giorgio Archetti il Presidente del Parco dei Gessi e assessore al Comune di San Lazzaro che ha divulgato il filmato dell'animale colpito

"Un cinghiale con una freccia conficcata a Castel de' Britti... Ecco le nuove tecniche di bracconaggio". A scriverlo è Giorgio Archetti il Presidente del Parco dei Gessi e assessore al Comune di San Lazzaro che ha pubblicato sul suo profilo Facebook il filmato dell'animale colpito. 

Nel Parco regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa sono state messe in atto misure di prevenzione e abbattimenti dei cinghiali tramite recinzioni metalliche ed elettrificate, allontanamento e, se inefficaci, abbattimento degli animali, utilizzando gabbie di cattura, ovvero lo sparo da appostamento e se necessario, la tecnica della “girata”, cioè la caccia in squadra. Come indica l'Ente Parco le catture e gli abbattimenti avvengono nelle immediate vicinanze di aziende agricole o di aree fortemente danneggiate e da cacciatori competenti. salsiccia-2

"Il nostro parco si trova sempre più al centro di strani interessi che fanno aumentare il numero delle persone che hanno atteggiamenti negativi verso le attività del parco atte a sostenere politiche di salvaguardia della biodiversità" è l'opinione di Archetti che su Facebook divulga anche la foto di salsicce avvelentate per i lupi, che mettono però a rischio anche i cani: "Ricordo a tutti che per i 5 parchi della Provincia di Bologna i guardiaparco sono solo 3 e non è possibile assumerne altri", conclude. 


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco dei Gessi: salsicce avvelenate e cinghiali feriti, è allarme bracconaggio

BolognaToday è in caricamento