Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Via Nuova, 28A

San Matteo della Decima: crisi respiratoria uccide un bambino in classe

A ucciderlo sarebbe stata un'improvvisa crisi respiratoria, che gli avrebbe provocato un arresto cardiaco. Il corpo del bimbo 11enne è stato portato alla Medicina legale. 'Bisognerà spiegarlo ai compagni di calsse': i docenti sono già stati messi in contatto con esperti per individuare un percorso

Un bimbo di 11 anni è morto in una scuola elementare a San Matteo della Decima. A ucciderlo sarebbe stata un'improvvisa crisi respiratoria, che gli avrebbe provocato un arresto cardiaco. Pare soffrisse di una patologia cardiaca per la quale era in cura dalla nascita.

Figlio di una coppia che riside in paese, il bambino frequentava la quinta elementare e si sarebbe sentito male in aula, poco dopo le 10. Il personale della scuola ha subito dato l'allarme al 118, ma i tentativi di rianimarlo sono stati vani.

Sono intervenuti i carabinieri e il corpo dell'undicenne è stato portato alla Medicina legale per l'autopsia. Del caso si occupa il Pm Antonello Gustapane.

AMMALATO. Era gravemente ammalato: fin dalla nascita il piccolo soffriva di patologie cardiache e respiratorie, ma aveva anche problemi motori. Dalla prima ricostruzione, quando si è sentito male era in aula con i compagni di classe, la quinta elementare delle 'Gandolfi', con la maestra e un'insegnante di sostegno che lo seguiva. E' stato subito portato fuori e i primi a soccorrerlo sono stati gli stessi insegnanti, poi i medici del 118 che hanno tentato invano di rianimarlo. L'undicenne, aveva un fratello gemello e una sorella più grande. Da poco aveva ricevuto la cresima nella chiesa parrocchiale del paese.

Una "grave perdita" che ha "sconvolto" l'ufficio scolastico provinciale. A dirlo è la dirigente dell'ufficio bolognese Maria Luisa Martinez che, attraverso il preside dell'istituto, ha inviato un messaggio di "cordoglio e solidarietà alla famiglia e alla scuola". La dirigente ha spiegato che il bimbo, con una seria disabilità, aveva avuto già dei problemi. Era assistito da un insegnante di sostegno e da un educatore. "Quando si sono resi conto che il caso di oggi era diverso hanno portato il piccolo fuori dall'aula e hanno chiamato subito il 118". I primi tentativi di rianimazione sono stati fatti anche da personale scolastico. Ora il pensiero va anche ai compagni di classe, ai quali "bisognerà spiegare quello che è successo". Per questo, ha spiegato la dirigente, i docenti sono già stati messi in contatto con esperti per individuare un percorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Matteo della Decima: crisi respiratoria uccide un bambino in classe

BolognaToday è in caricamento