Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza Maggiore, 1

San Petronio diventa una piazza: Zuppi chiama a raccolta i cittadini

Credenti e laici nella basilica arredata con tavolini e sedie disposti a semicerchio davanti al palco, allestito al centro

Credenti e laici nella basilica di San Petronio, arredata come se fosse una piazza, con tanto di tavolini e sedie disposti a semicerchio davanti al palco, allestito al centro della chiesa. E' l'arcivescovo Matteo Zuppi a chiamare a raccolta tutta la città per l'Assemblea diocesana, convocata per il prossimo 8 giugno, in occasione dell'anno del Congresso eucaristico diocesano 2017, che culminerà con la visita di papa Francesco a Bologna il prossimo 1 ottobre.

Due i momenti della giornata: la festa in piazza Maggiore, alle 18, con gli sbandieratori, la banda di Monzuno e un punto di ristoro; l'assemblea, dalle 19.30 in San Petronio, durante la quale si alterneranno diverse testimonianze alla presenza del sindaco Virginio Merola, del rettore Francesco Ubertini e dei leader degli industriali Maurizio Marchesini, ma anche il patriarca di Babilonia dei Caldei, Luis Raphael Sako. I cristiani caldei, ha detto oggi Zuppi in conferenza stampa, "sono una delle comunità maggiormente perseguitate, soprattutto in Iraq e Siria". 

L'assemblea diocesana sarà un confronto "vero e reale", con cui la Chiesa di Bologna vuole mettersi "in ascolto e in dialogo con tutti coloro che hanno a cuore il bene comune". Un'occasione per "domandarsi se la nostra azione è adeguata al Vangelo e alla Storia", sottolinea Ottani. "E' un incontro tra la Chiesa e tutta la città - ha detto monsignor Giovanni Silvagni - sono invitati non solo i cattolici, ma tutti i cittadini bolognesi. Non siamo mondi chiusi, la Chiesa tiene molto a questo dialogo. E non per fare il predicozzo".

Per l'occasione saranno allestiti anche alcuni wc in basilica e sarà consentito ai pullman arrivare in piazza Maggiore, ma solo per il carico e scarico dei passeggeri (non potranno sostare). L'assemblea diocesana "è un momento identitario - sottolinea Zuppi - con un percorso che ha coinvolto tutte le realtà della Chiesa di Bologna". E' un'occasione che "abbiamo voluto proprio di incontro della Chiesa con la città- ribadisce l'arcivescovo - la casa comune è davvero comune e tutti i pezzi devono concorrere perchè la città degli uomini sia davvero umana. E' questa la preoccupazione". (dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Petronio diventa una piazza: Zuppi chiama a raccolta i cittadini

BolognaToday è in caricamento