Sant'Agata, rapina alla Coop

Individuati in due dopo essere stati visti compiere una rapina, non hanno opposto resistenza ai militari per evitare la cattura

“Sono stato io, sono io la persona che cercate”. Non si sa se per calcolo o per onestà intellettuale, ma è così che il più giovane dei due ha risposto ai Carabinieri di Sant'Agata, quando lo hanno fermato dopo una rapina alla Coop di via Sibirani.

Assieme al reo confesso, A.P. 38enne, i militari hanno arrestato anche il suo compare, F.N. di 54 anni. Entrambi di origini casertane, sono stati bloccati a piedi mentre si allontanavano nei pressi del punto vendita da poco rapinato.

Su di loro pendono le descrizioni di alcuni testimoni, che coinciderebbero perfettamente con gli identikit forniti dall'Arma. Secondo quanto ricostruito i due sarebbero fuggiti appiedati dopo aver assaltato il supermercato con un coltello.

Entrambi i soggetti non hanno opposto resistenza, e si sarebbero attribuiti la responsabilità di quello che è accaduto. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna i due sono stati tradotti in carcere. La refurtiva, del valore di un migliaio di euro in contanti è stata recuperata dai Carabinieri e restituita al legittimo proprietario.


 

Rapina coop Sant'Agata-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento