Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Sant'Agata: maltratta per mesi la madre dei suoi figli, arrestato dai Carabinieri

L'uomo non si rassegnava alla fine della storia e non ha risparmiato atteggiamenti persecutori, violenze e gesti di autolesionismo davanti i figli minori. Portato in carcere

Attegiamenti persecutori, gesti di autolesionismo davanti i figli minorenni, foto sui social e in un caso anche violenza fisica. E' finita con l'arresto la condotta di un 34enne cittadino italiano, indagato per maltrattamenti contro familiari o conviventi e atti persecutori, accuse per le quali l'uomo è stato prelevato dai Carabinieri di San'Agata e condotto in carcere.

Il provvedimento, firmato dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bologna, nasce da un’indagine dei Carabinieri, avviata subito dopo la denuncia di una ragazza madre, distrutta psicologicamente e stremata dalle continue minacce e persecuzioni del compagno, sfavorevole a mettere fine a una relazione sentimentale di fatto inesistente.

Oltre alla donna, a pagare le spese dei gesti del 34enne, sono stati anche i tre figli minorenni che in qualche occasione hanno assistito agli atteggiamenti del padre, come accaduto a novembre quando una pattuglia dei Carabinieri fu inviata a casa della coppia per interrompere l’ennesima lite domestica. Nell’occasione, l’uomo aveva preso a testate lo spigolo del letto e si era spaccato la fronte.

In quel frangente la ragazza ha deciso di interrompere la relazione, ma non il compagno. In una occasione, per riallacciare i rapporti, le aveva fatto trovare a casa un mazzo di rose rosse, con la pretesa di fotografarle e pubblicarle sui social network per mostrare a tutti che avevano fatto pace.

Ma anche in quella circostanza, vistosi respinto, il soggetto a dato in escandescenza spaccandosi nuovamente la testa contro gli spigoli dei mobili. Da ultimo, gli atteggiamenti del 34enne erano trascesi in violenze fisiche, come quella volta, quando, dopo l’ennesima discussione, aveva tentato di scusarsi con la compagna con un abbraccio talmente forte che l’aveva quasi strangolata, procurandole un “trauma cervicale” guaribile in sette giorni, come diagnosticato dai sanitari del 118 che l’avevano medicata il giorno dopo.

Infine, dopo ripetute angherie, l’intervento dell’Autorità Giudiziaria: il 34enne è stato arrestato e rinchiuso in carcere, mentre la donna e i suoi tre figli hanno evitato un epilogo peggiore trasferendosi altrove.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Agata: maltratta per mesi la madre dei suoi figli, arrestato dai Carabinieri

BolognaToday è in caricamento