Cronaca Centro Storico / Strada Maggiore

Basilica dei Servi chiusa "per fumo tossico": fusi i ceri di Santa Lucia

Ieri sera, dopo la giornata di preghiera per Santa Lucia, alcuni lumini con le candele si sono riscaldati a tal punto da fondersi provocando una nube di fumo maleodorante: oggi il cartello davanti agli ingressi vieta l'ingresso alla basilica

Questa mattina i fedeli che si sono recati alla Basilica di Santa Maria dei Servi, in Strada Maggiore, sotto il portico che ospita il Mercatino di Santa Lucia, hanno trovato dei cartelli che ne vietano l'accesso: la causa, come scritto e come evidente dall'odore di plastica bruciata che proviene dall'edificio sacro, è stata la combustione di una serie di candele accese per Santa Lucia.

Non è stato necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco, ma questa mattina l'aria era davvero irrespirabile e la basilica piena di fumo, tanto che, come racconta un fedele che aiuta Don Arnaldo, quando sono state accese le luci sembrava non funzionasse l'impianto elettrico, visto il buio dovuto al fumo denso. 

"Sui tavoli davanti alle immagini sacre c'erano tre tipi di cero, uno attaccato all'altro - racconta l'uomo, che si è occupato si risistemare il tutto - ed evidentemente (come mostrano i resti bruciacchiati) il calore li ha fatti fondere provocando tutto questo fumo". La basilica verrà riaperta il prima possibile. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basilica dei Servi chiusa "per fumo tossico": fusi i ceri di Santa Lucia

BolognaToday è in caricamento