Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Bentornati in mare aperto": la superfesta delle Sardine a Bologna | VIDEO-RACCONTO

Sei ore di musica e politica in piazza VIII agosto: in 40mila rispondono all'appello

 

Centosettantatré euro per la maglietta "Emilia-Romagna Padania". La sua opera dadaista, Pif, come l'ha definita lui dal palco di piazza VIII agosto, l'ha venduta subito e il ricavato andrà a Mediterranea, la Ong che salva i migranti in mezzo al mare. 

"Che l'Emilia-Romagna sia stata in Padania, lo sa perfino la Borgonzoni, è storia. Allora ho pensato di vendere questa maglietta stasera", ha detto Pif, che dopo averla venduta è risalito sul palco con i soldi in mano e un messaggio per Matteo Salvini: "Visto che la Lega ci deve i 49 milioni che si sono fregati, 'a Mattè, vendi le magliette della Padania che ti fai un sacco di grana. Grazie Padania, grazie Lega".

'Bentornati in mare aperto'

È solo uno dei momenti salienti del lungo pomeriggio 'in mare aperto' delle sardine. In piazza VIII agosto per tutto il tempo l'atmosfera è quella di una grande festa. Musica e parole si alternano sul palco: musicisti, attori, giornalisti, migranti, lavoratori. Tra il pubblico, sorrisi e sguardi complici, come a sottintendere una fratellanza. Quando c'è ancora la luce, nel primo pomeriggio, le sardine sventolano tantissimi palloncini blu, e sembra che a Bologna ci sia il mare. 

"Siamo 40mila, siamo tornati a riempire le piazze – ha detto Mattia Santori – questa giornata è una svolta politica per il paese, una svolta per Bologna. Se dovesse vincere la Lega? – risponde ai cronisti, – a noi cambia poco, la nostra battaglia culturale l'abbiamo già vinta. Quella di oggi è una manifestazione per tornare a fare politica partendo dalla comunità, la rivoluzione è questa".

L'appello di Santori: torniamo a votare

A salire per ultimi sul palco sono i quattro fondatori del movimento – Andrea, Giulia, Mattia e Roberto – che non nascondono la stanchezza: "Organizzare questa serata è stata una sfacchinata incredibile ma ne è valsa la pena – dice Santori – è frutto di un lavoro incredibile, merito di tutti. Siamo riusciti a fare uno spettacolo politico e sociale con i soldi di tutti, da soli, senza finanziamenti russi".

"E allora torniamo a riconoscere la bellezza, a prendere posizione, torniamo a votare: alle ultime elezioni abbiamo fatto il 37% di affluenza ed è anche colpa nostra. Non abbiamo paura di partecipare – continua – perché chi partecipa non perde mai, e noi abbiamo già vinto perché dopo tante campagne elettorali da spettatori, finalmente siamo diventati giocatori risvegliando coscienze e infastidendo con il nostro pensiero".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento