menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dozza, un caso di scabbia: detenuto ricoverato

Macchie rosse sulla pelle di un detenuto, poi collegate alla malattia contagiosa. Il sindacato Sappe: "Polizia Penitenziaria a rischio e nessun tipo di prevenzione"

Un caso di scabbia alla casa circondariale di Bologna. Un detenuto di origini marocchine infatti, sottoposto a visita medica, è stato fatto accompagnare in ospedale perchè i segni sulla sua pelle derivavano dalla scabbia. A denunciare l'episodio il Sappe, sindacato della Polizia Penitenziaria. 

Il medico che lo ha visitato avrebbe notato delle macchie rossastre sulla pelle del detenuto, compatibili con quelle che porta la malattia contagiosa. "Purtroppo - hanno detto Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe, e Francesco Campobasso, segretario nazionale - nessuna prevenzione viene fatta dall'amministrazione nei confronti del personale che entra in contatto con questi detenuti, per i quali prevale sempre il diritto alla privacy rispetto al diritto alla tutela della salute degli agenti, i quali, spesso, vengono a conoscenza di queste malattie quando vengono contagiati. Questa volta, forse, e' andata bene, ma solo per caso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento