Sciopero 15 gennaio: "Eccessivi carichi di lavoro", la sanità si ferma

Le Aziende sanitarie assicurano che saranno garantite "le urgenze e i livelli minimi di attività previsti dal contratto in caso di sciopero"

"Eccessivi carichi di lavoro" per il personale, "rientri sul giorno di riposo", "difficoltà a fruire di ferie e permessi" e "uso eccessivo lavoro straordinario". Questi i motivi dello sciopero della santià (24 ore) del 15 gennaio proclamato dal sindacato autonomo Fials. 

Coinvolto l'intero personale del comparto nelle Ausl di Bologna e Imola, al Policlinico Sant'Orsola e all'Istituto ortopedico Rizzoli.

Le Aziende sanitarie assicurano comunque che saranno garantite "le urgenze e i livelli minimi di attività previsti dal contratto in caso di sciopero". Allo sciopero, farà seguito una manifestazione sabato 18 gennaio, a Bologna proprio sotto le Due torri, a partire dalle 14.

La Fials accusa la sanità bolognese di "mancata trasparenza su progetti e incentivi". La rottura del tavolo, però, che ha visto anche un passaggio in Prefettura per il consueto tentativo di conciliazione, si è consumata sul mancato passaggio di fascia per gli operatori, chiesto dal sindacato. "Al momento non ricorrono i presupposti giuridici che rendano possibile un reinquadramento contrattuale", hanno risposto le aziende sanitarie durante il confronto in Prefettura. (dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento