menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

3 ottobre sciopero accertatori sosta: sit-in davanti alla sede Tper

Il fermo, ha come obiettivo la richiesta a Tper di ritirare le contestazioni disciplinari che hanno portato alla sospensione di due operatori, minacciati di licenziamento

Sciopero di 24 ore dei dipendenti del reparto sosta di Tper che si ritroveranno in presidio, martedì 3 ottobre, alle ore 9.00 davanti ai cancelli dell’azienda di via Saliceto. 

Il fermo, indetto dal Sindacato Generale di Base - SGB, ha come obiettivo la richiesta a Tper di ritirare le contestazioni disciplinari che, negli ultimi giorni, hanno portato alla sospensione di due operatori, minacciati di licenziamento.
"Non passa giorno senza che la dirigenza di TPER, forse per giustificare i propri lauti compensi, non porti un nuovo attacco ai diritti dei lavoratori della sosta portando avanti una ottusa politica di gestione del personale basata sulle minacce e sulla privazione che, lungi dal valorizzare le proprie risorse, sembra voler incoraggiare i lavoratori alla fuga", si legge nella nota. 

SGB fa sapere che da tempo "denuncia la carenza di personale operativo su strada che, fra l’altro, comporta un minor controllo della sosta a fronte anche di un ampliamento delle zone a pagamento" e che l’azienda sarebbe sorda "alle richieste di assumere nuovo personale per compensare la mancanza di chi, negli ultimi anni si è licenziato, è stato trasferito in un altro reparto o non è più idoneo alla mansione, pretende che quelli rimasti raggiungano gli stessi livelli di produzione precedenti negando sistematicamente ferie, congedi e permessi, tacciando di assenteismo chi utilizza 104 o congedi parentali e penalizzando chi si ammala".

Gli accertatori registrano le targhe di tute le vetture che si trovano sul loro percorso "che siano o meno in regola" ed è diventato, scrivono "l’unico, avvilente, metro di misura della professionalità degli accertatori che ruba tempo alla ben più utile attività di supporto alla mobilità cittadina , per inserire inutili numeri in uno strumento che, tra le altre cose, si è dimostrato inadeguato alla sua funzione e il cui utilizzo costante ha portato ad un aumento di problemi di vista e legati alla postura dei lavoratori". 

Per SGB l'uso "delle contestazioni disciplinari" servirebbe "ad annichilire e a spaventare il reparto, che si inasprisce quando l’azienda intende peggiorare le condizioni di lavoro,  con un tempismo a dir poco sospetto, e che ha recentemente portato alla sospensione dal lavoro di due accertatori. Tutto ciò sta peggiorando il clima e le condizioni di lavoro di chi non capisce perché le carenze di organico e quelle organizzative debbano essere affrontate comprimendo i pochi diritti rimasti ai lavoratori".

Assieme ad altre sigle del sindacalismo di base, il 27 ottobre è previsto lo Sciopero Generale di tutte le categorie.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento